Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Dermatologia
  4. /
  5. Tagli Ferite Scottature
  6. /
  7. Cheloidi: che cosa sono...
READING

Cheloidi: che cosa sono e come curarli?

Cheloidi: che cosa sono e come curarli?

Quando parliamo di cheloidi non ci riferiamo a semplici cicatrici, ma a veri e propri traumi che la pelle non riesce a riassorbire e che spesso causano un profondo disagio estetico. In questo articolo cerchiamo di comprendere come si formano e in che modo è possibile farli riassorbire ricorrendo all’aiuto del dermatologo.

Che cosa sono i cheloidi e come si formano?

I cheloidi sono conseguenze comuni di operazioni chirurgiche o altri grossi traumi della pelleI cheloidi sono cicatrici che non si sono rimarginate correttamente. Fanno parte del gruppo delle lesioni patologiche e solitamente si formano in seguito a un incidente, trauma o dopo grandi interventi chirurgici (come quello del parto cesareo). I cheloidi si generano a causa di una proliferazione anomala di fibroblasti e collagene. Oltre ad essere non tanto piacevoli alla vista, possono generare anche dolore e prurito. I cheloidi non si riassorbono quasi mai naturalmente. Una volta comparsi è sempre necessario individuare la terapia più corretta e indicata per cercare di attenuarli e migliorarne l’aspetto.

Anche i tatuaggi possono scatenare i cheloidi?

Purtroppo sono ancora poche le persone che richiedono il consulto di un dermatologo o si recano presso una struttura “Tatuaggio Sicuro” prima di tatuarsi. Eppure le allergie da tatuaggio sono in aumento, così come i pentiti che scelgono di cancellare definitivamente questi ricordi indelebili sulla pelle. Anche il cheloide da tatuaggio può essere una conseguenza di questa pratica, che non sempre dipende dalla bravura del tatuatore. Esistono infatti tessuti cutanei che geneticamente sono più predisposti alla formazione di cicatrici cheloidi, per questo è sempre importante verificare con il proprio dermatologo se la propria cute può essere idonea a tatuarsi. In altri casi, è l’utilizzo di determinati pigmenti o inchiostri per tatuaggio che può generare un’irritazione sulla pelle incentivando la comparsa di un cheloide da tatuaggio.

Curare un cheloide: le creme da scegliere in farmacia

Sconfiggere le cicatrici cheloidi è una missione che non si può combattere da soli. La cura più adatta per il cheloide va sempre stabilita con il consulto del dermatologo. Nei casi in cui il paziente sia geneticamente più predisposto alla formazione di questo tipo di cicatrici si può acquistare preventivamente in farmacia una crema per cicatrici cheloidi, un prodotto dall’azione compressiva garantita dai derivati siliconici; questo tipo di crema può tuttavia essere utile solo per prevenire lesioni patologiche e solo quando queste ferite sono piccole e contenute. Pochi sono i casi in cui, una volta comparso il cheloide, si riesca a eliminarlo con la semplice azione di una pomata per cheloidi.

Che cosa sono i cerotti per cheloidi? Funzionano?

Solitamente i cosiddetti cerotti per cheloidi sono efficaci su cicatrici meno gravi e non patologiche. Quando il processo di cicatrizzazione è anomalo è importante mantenere il tessuto cutaneo umido e idratato coprendo la ferita con una garza medica. Si possono applicare dermocosmetici a base di glicerina, acido ialuronico ed estratti vegetali dall’azione lenitiva, ma solo previo consulto dell’esperto.

Esistono rimedi naturali contro i cheloidi?

Non esistono rimedi naturali pensati ad hoc per i cheloidi. La soluzione migliore consiste nella prevenzione, applicando tutti i giorni una buona crema idratante con estratti vegetali dall’azione emolliente e idratante. In alternativa sono consigliati i dermocosmetici con fosfolipidi e glucosamina che aiutano a rigenerare la pelle. Ottimo anche l’utilizzo quotidiano di un’acqua termale.

In quali casi è necessario ricorrere all’intervento con il laser?

La laserterapia è il miglior trattamento per attenuare le cicatrici cheloidi. Il laser aiuta a levigare l’epidermide, stimolando la nuova produzione cellulare che può essere migliorata con un ulteriore passaggio grazie a una seduta di radiofrequenza. Il laser vascolare è la cura più indicata in caso di cheloide perché riesce a colpire i vasi sanguigni responsabili di rossore e gonfiore. Solitamente sono necessarie dalle 3 alle 5 sedute per risultati evidenti. Tra le altre soluzioni più utilizzate ci sono le infiltrazioni locali con cortisone, ma devono essere eseguite da mani esperte.


Per approfondimenti:

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: