02.29406306 | segreteria@dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Terapie e Laser
  4. /
  5. Trattamenti
  6. /
  7. Rigenerazione cutanea su misura:...
READING

Rigenerazione cutanea su misura: per ogni pelle la...

Rigenerazione cutanea su misura: per ogni pelle la sua soluzione

Proprio come accade con il resto del nostro organismo, anche la pelle ha delle necessità che mutano a seconda della specifica fascia di età a cui si appartiene. Ma non solo. A influire sono anche componenti quali rughe, cedimenti, secchezza cutanea. Ne consegue che non tutte le cuti vanno curate nella stessa maniera ma occorre applicare prodotti su misura per ogni singola esigenza. Di questo tema essenziale per la beauty routine quotidiana ha parlato il Prof. Antonino Di Pietro in un recente intervento su Ok Salute e Benessere.

Parola d’ordine: rigenerazione cutanea

Come spiega il Prof. Di Pietro, il concetto di anti aging è ormai così tanto diffuso da risultare abusato. Non invecchiare, difatti, è ovviamente impossibile e scientificamente insostenibile. È piuttosto preferibile parlare di rigenerazione cutanea, un processo naturale della pelle che rallenta con l’età e che è possibile migliorare grazie all’applicazione quotidiana di principi attivi quali la fospidina, un complesso a base di fosfolipidi e glucosamina, sostanza di cui è composto l’acido ialuronico.

L’unione di questi due elementi riesce a creare un portentoso composto rigenerante che, applicato sulla pelle con creme e sieri, e assunto per bocca con un integratore, rende la cute più turgida, elastica e compatta, coadiuvando nel contempo la produzione interna di nuovo acido ialuronico, collagene ed elastina, fondamentali per la salute cutanea.

Il vantaggio principale di un complesso come la fospidina sta nel fatto di essere idonea a tutte le età e a tutte le tipologie di pelle, persino le più sensibili.

All’utilizzo giornaliero di questa prezioso complesso è inoltre possibile combinare in maniera sinergica misure e trattamenti dermatologici personalizzati sulle specifiche esigenze di ognuno.

Delta Lattone e Overlap

Come spiega il Prof. Di Pietro, la componente chiave per attenuare l’aspetto delle rughe è una idratazione ottimale della pelle, che si può ad esempio ottenere con un principio attivo come il Delta Lattone, presente in svariati prodotti per il viso. La sostanza conferisce un aspetto levigato e disteso alla pelle, poiché riesce a compattare le cellule cornee superficiali e a bloccare la perdita eccessiva di acqua.

In presenza di rughe più profonde occorre invece intervenire con trattamenti dermatologici veri e propri, come l’Overlap®, metodica che consiste in microiniezioni di acido ialuronico allo stato puro.

Integratori ad hoc

Per rallentare il rilassamento cutaneo risulta utile intervenire non solo con creme e sieri contenenti fosfolipidi e glucosamina, ma anche per via orale mediante l’assunzione di appositi integratori alimentari. Per l’involuzione delle strutture sottostanti la cute, dove l’azione dei cosmetici non riesce a produrre i suoi effetti, esistono degli integratori a base di vitamina D3, salice, piperina e curcumina, specificatamente studiati per supportare la funzione muscolare, articolare e ossea.

Attenzione alle discromie

Le discromie o macchie cutanee che dir si voglia sono tra gli inestetismi più combattuti ma occorre prestare attenzione. Difatti, le chiazze che compaiono sulla nostra pelle non sono tutte uguali e in molti casi non rappresentano un nemico da contrastare. Si tratta di un naturale meccanismo di difesa della pelle che, in alcuni casi, potrebbe rappresentare un campanello d’allarme per la salute. Per questo motivo, prima di agire erroneamente, è sempre importante verificare con il proprio dermatologo di fiducia la natura di ogni singola macchia, monitorandola poi nel tempo.

A ogni modo, sul fronte dei trattamenti, sulle macchie si può intervenire con diverse metodiche. Tra le più utilizzate ci sono il peeling dermatologico e il laser.

L’azione dell’acido ialuronico e delle altre sostanze nutrienti

La regola numero uno per mantenere la pelle compatta, levigata e luminosa in modo naturale consiste nel nutrirla in profondità. Il principio attivo migliore da ricercare in tali casi si trova in sostanze quali:

  • l’acido ialuronico puro che favorisce l’idratazione e l’elasticità, donando alla pelle un aspetto più morbido e compatto;
  • la vitamina E, potente antiossidante che aiuta a proteggere dall’attacco dei radicali liberi e dal correlato stress ossidativo;
  • l’olio di passiflora che contribuisce a ridurre la perdita di acqua transepidermica;
  • l’olio di macadamia che aiuta a mantenere la pelle morbida e levigata.

Il Picotage

picotage trattamento antiaging adpPer sfruttare appieno i benefici forniti dall’acido ialuronico, il dermatologo può consigliare delle sedute di Picotage®, uno dei trattamenti di dermatologia rigenerativa più richiesti. Come spiega il Prof. Di Pietro, la tecnica, da lui stesso messa punto, consiste in microiniezioni superficiali di acido ialuronico, così da stimolare la rigenerazione delle cellule cutanee.

Il vantaggio del Picotage®, un trattamento assolutamente non invasivo, si trova nel fatto che la tecnica non riempie le rughe e non paralizza le espressioni ma riesce ad attenuare gli inestetismi in modo del tutto naturale, restituendo alla pelle un aspetto luminoso e fresco.

Esperidina e ferrolattina per gli inestetismi del contorno occhi

Esperidina e ferrolattina per gli inestetismi del contorno occhiL’area del contorno occhi è tra le più soggette ai segni dell’invecchiamento cutaneo già a partire dai trent’anni, essendo la pelle molto sottile e con una tendenza da parte dei vasi capillari a dilatarsi, tanto da causare borse e occhiaie.

Come scegliere un buon contorno occhi per correre ai ripari da subito? Il Prof. Di Pietro spiega che è necessario partire dalla texture del prodotto che dovrebbe essere in crema-gel poiché più fresca e leggera. Come principi attivi, per le borse può essere utile l’esperidina, un flavonoide che, oltre a favorire il microcircolo, ha un’azione drenante. Per le occhiaie si può invece intervenire con la lattoferrina che schiarisce il classico colore brunastro caratteristico dell’inestetismo.

Leggi l’intervista su Ok Salute e Benessere

Leggi l’articolo su La Provincia