Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Abbronzatura e Sole
  4. /
  5. Sole
  6. /
  7. Come curare un tatuaggio...
READING

Come curare un tatuaggio appena fatto d’esta...

Come curare un tatuaggio appena fatto d’estate

Con la bella stagione aumenta la voglia di tatuarsi, complice il fatto che con le temperature più calde ci si scopre e si lascia intravedere anche i tatuaggi più nascosti. Molti dermatologi e tatuatori esperti sconsigliano il tatuaggio in estate, mentre nuove scuole di tatuatori affermano che di tatuarsi in estate non sia così penalizzante per la salute della pelle.

In realtà il tatuaggio rappresenta una cicatrice per il tessuto cutaneo, ecco perché quando sta per guarire compaiono delle croste sul disegno del tatuaggio. Per questo è molto importante essere sicuri prima di infliggere alla pelle una cicatrice permanente di questo tipo. Oggi, sono sempre più diffusi i pentiti del tatuaggio che dopo poco tempo si affidano al trattamento laser per eliminare un brutto ricordo o un disegno mal riuscito. Ma se la voglia di tatuarsi ti colpisce proprio a ridosso delle vacanze ci sono delle precauzioni che non puoi ignorare per aiutare la pelle nel processo di guarigione del tatuaggio. Scopriamo quali sono.

Come possiamo curare un tatuaggio appena fatto in estate?

Proteggere il tatuaggio appena fatto dai raggi UV è possibile con i consigli del prof. Di Pietro.In estate, la guarigione del tatuaggio è messa a dura prova a causa di agenti esterni come sole, caldo, mare, sabbia e docce frequenti. Se si ha una sudorazione eccessiva diventa anche difficile coprire il tatuaggio appena fatto con creme e prodotti rigeneranti perché vengono espulsi velocemente dalla pelle e questo ritarda il processo di cicatrizzazione. È sconsigliatissimo esporsi al sole con un tatuaggio appena fatto: i raggi solari possono infatti causare una reazione entrando in contatto con l’inchiostro del disegno, modificando anche le linee e rovinando il disegno. La corretta cura del tatuaggio viene svolta da una crema dopo tatuaggio dalle formulazioni specifiche e rigeneranti oppure dalla vasellina. Importante è applicare uno strato sottile e ripetere la cura ogni 4 ore. Applicare troppa crema sopra al disegno non serve a nulla, anzi può creare una barriera e rallentare la guarigione.

Passati 10 o 14 giorni ci si può recare spiaggia, ma con una crema solare adatta a proteggere un tatuaggio appena fatto. Adesso in commercio si trovano prodotti specifici. In alternativa si può utilizzare una normale crema solare ma con protezione molto alta. Sono consigliati i prodotti in stick, che possono essere applicati localmente solo sul disegno, oppure le creme solari per zone sensibili. Importante è non passare troppe ore sotto il sole. Anche l’acqua salata può generare irritazioni perciò i primi giorni è meglio fare dei bagni brevi e, una volta usciti dal mare, è necessario applicare di nuovo la crema solare, anche in caso di prodotto resistente all’acqua.

I consigli “evergreen” per il tatuaggio appena fatto

Tra i consigli utili da seguire per la cura del tatuaggio, a prescindere dalla stagione, ci sono molti piccoli accorgimenti. Ad esempio, con un tatuaggio appena fatto preferite la doccia al bagno e utilizzate acqua tiepida. Durante la doccia fate attenzione a non strofinare la pelle intorno al disegno e utilizzate un detergente neutro e delicato che si può trovare facilmente in farmacia o chiedendo consiglio al dermatologo. Se avete animali, attenzione al contatto con i peli, che possono generare allergie, così come la polvere. Non effettuate assolutamente alcun tipo di esfoliante o scrub e aspettate che le croste del tatuaggio si stacchino da sole. Il lato positivo di fare un tatuaggio prima dell’estate o in estate è che si indossano vestiti più leggeri, tessuti delicati e freschi come cotone e lino, mentre in inverno i vestiti attillati e tessuti come la lana possono rendere la pelle con un tatuaggio appena fatto più reattiva e sensibile. In estate, molte parti del corpo rimangono scoperte e questo genera una maggiore attenzione e cura. La pelle infatti è più idratata e protetta. Invece, nei mesi più freddi, trascuriamo di più il tessuto cutaneo, convinti che sia protetto da maglioni e vestiti pesanti.

 

 

Facebook Comments

VEDI ANCHE: