Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.dermoclinico.it
READING

Pelle d’argento e l’acne non torna più...

Pelle d’argento e l’acne non torna più

Arrivano formidabili disinfettanti: nuove creme con microspugne del metallo prezioso. Sono un’alternativa agli antibiotici e alle cure ormonali

Le proprietà antibiotiche e antisettiche dell’argento sono note sin dall’antichità: chi mangiava con l’argenteria correva meno rischi di ammalarsi e contrarre infezioni, e il “sangue blu” della nobiltà dipendeva proprio dall accumulo nell’organismo, anche minimo, di questo metallo prezioso. In anni molto più recenti si è scoperto che è utilissimo anche nella cura dell’acne, e da poco si sa come renderlo ancora più efficace, stando a quanto presentato al primo congresso scientifico Dermocosm Vita Cutis, che si è appena chiuso a Bologna. «Finora l’argento veniva usato sotto forma di granuli o di microsfere all’interno di creme dermatologiche anti-acne. Ora, però, si possono sfruttare meglio le sue proprietà utilizzandolo in forma di microspugne, ovvero piccolissimi cristalli porosi che rilasciano argento sulla pelle in modo graduale e continuo nel tempo», spiega il professor Antonino Di Pietro, dermatologo plastico, direttore del neonato Dermocosm e dell’Istituto dermoclinico di Milano. «Queste microspugne, dette anche microsilver, potenziano l’effetto disinfettante e antibatterico del metallo, impedendo ai batteri responsabili dell’acne di proliferare».

Le creme a base di microspugne d’argento sono una validissima alternativa agli antibiotici, «ma anche alle cure ormonali, non sempre praticabili, o ad altri tipi di farmaci che potrebbero avere effetti collaterali. L’argento è totalmente naturale: non ha controindicazioni e non occorre la ricetta per acquistarlo», continua Di Pietro. «Io consiglio, poi, di usare creme che contengono, oltre ai microsilver, l’alukina, un composto a base di allume (un minerale vulcanico), vitamina A e Acido 18-beta-glicirretico, una sostanza naturale, estratta dalla liquirizia, che sfiamma e favorisce la cicatrizzazione dei tessuti. Mentre le microspugne bloccano la crescita dei batteri sulle ghiandole del sebo iperstimolate dagli ormoni, l’alukina riduce l’attività delle ghiandole stesse. In generale, l’alukina potenzia l’effetto dell’argento, migliora l’eritema e la desquamazione, lenisce l’irritazione e regolarizza la produzione di sebo: per questo è un medicamento utile anche contro la dermatite seborroica, irritazione che causa arrossamenti e lesioni in alcune zone specifiche della pelle, come intorno al naso o sul cuoio capelluto, dove causa la forfora». Il professor Di Pietro consiglia i microsilver anche a coloro che soffrono sporadicamente di brufoli, irritazioni cutanee o follicoliti: «L’argento aiuta in ogni caso a disinfettare e lenire il derma. Certo in casi di acne, che è un processo cronico, infiammatorio e infettivo delle ghiandole sebacee, la crema va messa quotidianamente, due volte al giorno, per almeno un mese. Questo rimedio non sempre garantisce la totale scomparsa dell’acne, ma la riduce e la migliora sensibilmente. L’acne è una patologia complessa, dovuta a diversi fattori, genetici, metabolici, ormonali. Nei casi gravi o recidivi per molti anni, anche dopo l’età puberale, bisogna valutare una cura farmacologica mirata, rivolgendosi ovviamente a uno specialista».

LA MOSSA GIUSTA PER LA PULIZIA DEL VISO. È ALLA SOIA IL SAPONE PIÙ DELICATO
«Contrariamente a quel che si pensa, la pelle grassa non va sgrassata, altrimenti si ha l’effetto rebound, ovvero un ritorno e un aumento del sebo in eccesso», spiega il professor Antonino Di Pietro. «Chi soffre di acne, pertanto, non dovrebbe pulire eccessivamente il viso, ma detergersi sempre con prodotti delicati che non fanno molta schiuma. Si trovano in farmacia e sono tutti dermatologicamente testati. I detergenti migliori, saponi o latti, sono quelli contenenti fospidin, una miscela di fosfolipidi estratti dalla soia e di glucosamina, che pulisce a fondo il derma e lo rigenera».

Come fare invece con il trucco?
«Non ci sono particolari controindicazioni, ma i cosmetici devono essere di buona marca e di alta qualità».

di Camilla Tagliabue

Facebook Comments

VEDI ANCHE: