Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Rughe e Invecchiamento della...
  4. /
  5. Idratazione
  6. /
  7. Pelle secca: pulizia e...
READING

Pelle secca: pulizia e idratazione

Pelle secca: pulizia e idratazione

A tutti è capitato di sentire la pelle che “tira”, segno che è secca per l’eccessiva perdita di acqua dell’epidermide e per la scarsità di grassi che, insieme ad altre sostanze, formano una sottile pellicola che la protegge dall’aggressione degli agenti esterni. La situazione peggiora ulteriormente quando ci si lava spesso con acqua molto calda, poiché il caldo fluidifica e fa eliminare eccessivamente i grassi. La pelle quando è secca, infatti, tende a irritarsi e arrossarsi con estrema facilità. Per fortuna, le soluzioni non mancano e, anche se semplici, sono molto efficaci.

Quali sono le cause della pelle secca?

Chi segue una cura con certe categorie di farmaci potrebbe avvertire una maggiore secchezza cutanea. Può succedere, per esempio, se si assumono retinoidi (derivati della vitamina A) contro l’acne, oppure dei farmaci ipertensivi , antidepressivi ed estropogenestici. La pelle secca può avere anche cause ormonali: ogni qualvolta che ci sono variazioni o disfunzioni ormonali la cute potrebbe risentirne, apparendo più secca del normale. Ciò avviene di frequente nelle donne in concomitanza con il ciclo mestruale, ma può succedere anche per via di squilibri ormonali che possono interessare anche gli uomini e per i quali è meglio rivolgersi a un endocrinologo.

Come riconoscere la pelle secca?

La pelle secca può avere caratteristiche diverse, che vanno da una leggera desquamazione, che può essere classificata come disidratazione semplice, a una secchezza cutanea grave, caratterizzata da ispessimento della pelle e lesioni. Queste ultime manifestazioni indicano che si tratta di secchezza cronica, che causa prurito e induce a grattarsi continuamente. In questi casi, è meglio rivolgersi a uno specialista perché potrebbe trattarsi di qualche forma di dermatite.

Quale sapone usare per detergere la pelle secca?

Se si soffre di pelle secca, la pulizia va fatta due volte al giorno, al mattino appena svegli e alla sera prima di andare a letto, per eliminare le impurità presenti sulla pelle. Meglio evitare il sapone per lavare il viso; sconsigliati sono anche quelli “leggeri”, perché hanno un’azione detergente troppo forte su una pelle secca. Il rischio è di ridurre ancora di più lo strato protettivo, seccandola ulteriormente. Meglio un prodotto delicato come un latte detergente contenente fosfolipidi, glucosamina, flavonoidi e acido tioctico. Il detergente va massaggiato sul viso con i polpastrelli per alcuni secondi con movimenti circolari, ampi e leggeri. Poi va risciacquato bene, per togliere ogni residuo di prodotto, infine asciugare il viso tamponando (e non strofinando) con un asciugamano.

Quando ci si lava le mani o si fa la doccia, bisogna poi sempre asciugare bene tutte le parti del corpo, facendo attenzione anche alle pieghe cutanee e alle zone in mezzo alle dita delle mani e dei piedi. Non solo: non bisognerebbe mai rimanere nell’acqua per più di 20 minuti e sarebbe meglio non fare docce troppo calde, ma mantenere la temperatura intorno ai 37 gradi. Infatti, l’acqua troppo calda secca la pelle e la disidrata perché elimina in parte il film idrolipidico, cioè la pellicola sottile composta da grasso e da acqua che la protegge.

Quali prodotti usare per reidratare la pelle secca?

L’uso della crema idratante deve essere doppio: al mattino e alla sera. Le creme idratanti migliori devono ricreare un buon film idrolipidico superficiale e devono ricompattare lo strato corneo e l’epidermide. In questo modo si frena l’evaporazione dell’acqua e migliora l’idratazione profonda. Ottime sono le creme che contengono delta lattone, Q10 e glucosamina. Qual è il modo corretto di stendere la crema idratante? Bisogna prendere dal contenitore una piccola quantità con il polpastrello dell’indice e metterne un po’ su fronte, ciascun angolo di bocca e occhi, nonché su ogni guancia e stenderla con i polpastrelli facendo movimenti circolari dal centro del viso verso i lati.

Cosa mangiare per contrastare il problema della pelle secca?

Oltre a nutrire la pelle dall’esterno con l’uso di creme e di sieri, non si deve dimenticare di idratarla dall’interno bevendo almeno due litri di acqua al giorno, da affiancare a centrifugati di frutta e verdura fresche, e mangiando alimenti con elevato contenuto di acqua. Inoltre, per rigenerarsi le cellule devono avere il giusto apporto di sostanze come gli omega 3, i flavonoidi, il rame e lo zinco. Oltre che attraverso l’alimentazione, questi nutrienti si possono assumere sotto forma di integratori, ai quali si può aggiungere anche un mix di fosfolipidi e glucosamina, utile per la produzione di acido ialuronico.

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: