Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Unghie
  4. /
  5. Unghie che si spezzano:...
READING

Unghie che si spezzano: cause e cure

Unghie che si spezzano: cause e cure

Hai unghie che si spezzano, deboli, con una base irregolare? Magari ti sei sottoposta per un po’ di tempo ai trattamenti estetici di manicure con il gel e non immaginavi che questa pratica potesse peggiorare la salute delle sue unghie? Ecco cosa puoi fare per migliorare la situazione.

Unghie che si spezzano: le cause principali

Le manicure molto aggressive sono una delle cause principali delle unghie che si spezzanoI problemi dell’unghia possono essere di diversa natura perciò, per avere una diagnosi corretta, occorre farsi visitare da un dermatologo. La ricostruzione delle unghie in gel o acrilico, presa d’assalto da donne di tutte le età, non è da condannare in assoluto. Certo è che una persona con le unghie deboli non potrà avere giovamento da questo trattamento. In questo campo, però, l’utilizzo di prodotti di qualità e il metodo di applicazione sono condizioni necessarie per salvaguardare la salute delle unghie. Per quanto riguarda i centri dove ci si reca per fare la manicure, il primo elemento che il cliente ha a disposizione per verificare se il centro è serio è di quello di accertarsi che l’operatrice abbia un diploma che attesti l’idoneità alla professione.

In ogni caso, la realtà è che negli ultimi tre anni c’è stato un aumento del 75% della richiesta di visite dermatologiche per problemi alle unghie, per la maggior parte dovute a manicure casalinghe aggressive, all’utilizzo di prodotti poco affini con la superficie ungueale ma anche a malattie ereditarie, all’anemia e all’utilizzo di farmaci che possono interferire con la loro salute.

Come rinforzare le unghie che si spezzano: rimedi naturali

Se le unghie sono stressate da agenti esterni e cosmetici, allora è utile una cura rinforzante per le unghie, cercando di evitare gli smalti a meno che non siano di tipo curativo per compattare lo strato corneo. Anche l’olio di mandorle o una crema nutriente da massaggiare intorno all’unghia (sulle cuticole) servono a stimolare la circolazione sanguigna. La lunghezza deve essere limitata al polpastrello per non esporre le unghie a possibili urti esterni e, per regolarle meglio, è bene scegliere la lima di cartone al posto di quella in metallo, che risulta più aggressiva. Infine, per rimuovere l’indurente è meglio utilizzare un solvente povero di acetone (che disidrata le unghie e le rende più fragili). Anche l’assunzione di integratori a base di aminoacidi solforati, biotina, zinco e selenio sono utili, a patto che siano assunti senza interruzione per almeno un paio di mesi.

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: