Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Inestetismi e Rimedi
  4. /
  5. Acne e Brufoli
  6. /
  7. Raggi di luce contro...
READING

Raggi di luce contro l’acne: laser e fototer...

Raggi di luce contro l’acne: laser e fototerapia

La ricerca dermatologica ha compiuto grandi passi nella cura dell’acne. Vanno innanzitutto menzionati i prodotti a base di microspugne di argento, dette microsilver. Specialmente utile si è dimostrata la combinazione delle microsilver con l’Alukina, sostanza in grado di potenziare l’effetto antisettico e antibatterico dell’argento. Questa terapia è spesso apparsa una valida alternativa all’uso non sempre giustificato di antibiotici. Un altro supporto è venuto da alcune apparecchiature non invasive: ne parliamo in questo articolo.

Le nuove terapie per l’acne: laser e radiofrequenza

La prima novità nella cura dell’acne consiste nell’uso del laser per sterilizzare e curare la pelle infetta e aggredita dai brufoli, assicurando nel contempo anche una cicatrizzazione delle lesioni che non lasci segni antiestetici sul viso. La seconda novità p revede il trattamento dell’acne attraverso la radiofrequenza, una metodica grazie alla quale si può eliminare il disturbo stimolando la ricostruzione di pelle sana sottostante le lesioni, che sono così curate in profondità.

Altri trattamenti per l’acne: la fototerapia

Efficace anche la terapia con luce Led monocratica, capace di agire contro i batteri che producono l’acne, stabilizzare le ghiandole sebacee e favorire la rigenerazione cutanea. In particolare ricordiamo la fototerapia effettuata con un particolare farmaco, il 5-ALA (Acido 5-aminolevulinico), in grado di reagire con la luce diventando tossico. Dopo aver applicato una crema con 5-ALA sulle lesioni, il dermatologo aspetta circa due ore, poi espone la pelle a una luce mirata che attiva il farmaco: in questo modo, vengono colpite solo le cellule malate preservando la pelle sana. Alla fine di un ciclo di fototerapia, si evidenziano una diminuzione nella produzione di sebo, un rallentamento della proliferazione batterica e un miglioramento significativo delle lesioni. In presenza di eventuali cicatrici, si può intervenire applicando tutti i giorni per alcuni mesi un siero contenente Fospidina, un nuovo composto dalle notevoli proprietà rigeneranti.

 

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: