Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Cura del Corpo
  4. /
  5. Parti Intime
  6. /
  7. I lavaggi con acqua...
READING

I lavaggi con acqua e bicarbonato delle parti inti...

I lavaggi con acqua e bicarbonato delle parti intime

Rispettare l’igiene intima quotidiana è fondamentale per prevenire arrossamenti in queste zone così delicati. Tra i consigli del dermatologo c’è quello di lavarsi con l’acqua tiepida e asciugarsi con cura dopo il lavaggio; scopriamo insieme anche tutti gli altri “segreti” per una igiene intima perfetta, a partire dal principale: i lavaggi con acqua e bicarbonato.

Perché usare il bicarbonato per l’igiene intima?

La pelle delle parti intime è molto delicata, quindi per prevenire eventuali irritazioni si consiglia di seguire alcune semplici regole. Innanzitutto, per essere sempre freschi e profumati lavare le zone intime tutti i giorni. A chi soffre di arrossamenti poi è raccomandabile lavarsi diluendo nell’acqua alcune sostanze come il bicarbonato. Sempre meglio utilizzare l’acqua tiepida e non calda e ricorrere a un detergente intimo che non faccia molta schiuma. Il movimento corretto da fare va dalla parte davanti a quella dietro e mai il contrario perché si rischia di trasportare i batteri da una zona all’altra. Infine, dopo avere deterso la pelle, occorre asciugarla con molta cura e indossare biancheria intima di cotone al cento per cento, evitando l’uso di indumenti troppo stretti.

Il bicarbonato disinfetta le parti intime?

I lavaggi con acqua e bicarbonato riducono le infiammazioni della pelle delicata delle parti intime. Non bisogna però esagerare con le quantità di bicarbonato: in piccole dosi il bicarbonato è disinfettante, ma se è troppo concentrato può irritare la pelle. Versatene quindi solo un cucchiaio da tè nell’acqua del bidet oppure in una bacinella piena d’acqua e poi procedete con il lavaggio In alternativa, versate nell’acqua qualche goccia di olio di lino, che dona alla pelle un profumo delicato e contiene sostanze lenitive. Lavarsi versando nell’acqua dell’olio essenziale di lavanda, di tiglio o di timo è un’altra buona idea: contengono, infatti, sostanze che donano alla pelle un profumo leggero e delicato. In caso di irritazioni e di arrossamenti, è ottimo l’olio di melaleuca, disponibile in erboristeria. Ricavato da una pianta australiana, è un olio che si può usare in gocce nel bidet o applicare direttamente sulle parti intime: la sua particolarità è che ha un ottimo potere disinfettante e lenitivo.

Temperatura dell’acqua, detergenti intimi e biancheria: come sceglierli

L’acqua calda abbassa le difese della pelle e predispone più facilmente alle infezioni, quindi è sempre meglio lavare le parti intime con acqua tiepida, iniziando dalla parte davanti e poi passando a quella dietro e non il contrario poiché si rischierebbe di trasportare i batteri da una zona all’altra. Quanto al detergente, meglio sceglierne uno specifico per le parti intime che faccia poca schiuma. Essa infatti contiene sostanze che possono irritare la pelle. Alla fine del lavaggio asciugate poi bene la pelle per non lasciarla umida: l’umidità è un terreno fertile per i batteri e crea irritazioni. Si consiglia poi di indossare la biancheria di cotone al cento per cento ed evitare indumenti stretti perché il cotone è una fibra naturale: non irrita e mantiene la pelle in salute; gli indumenti intimi devono essere inoltre della giusta misura: la pressione eccessiva, protratta, rischia di irritare la pelle.

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: