Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Dermatologia
  4. /
  5. Tatuaggi
  6. /
  7. Tatuaggi: i rischi e...

Tatuaggi: i rischi e le cautele

Il tatuaggio è un disegno inciso sulla pelle tramite l’uso di aghi e di sostanze colorate. Con l’ago imbevuto del colore desiderato, il tatuatore pratica piccoli fori sulla pelle, seguendo il contorno del disegno che deve realizzare. Finito il contorno, il tatuaggio viene riempito con i colori desiderati.

Le possibilità di sbizzarrirsi sono numerose. Infatti, c’è chi preferisce avere piccoli disegni, chi vuole esserne totalmente ricoperto e anche chi, prima o dopo, si stanca di averli.

A che cosa si può andare incontro
Il tatuaggio può essere pericoloso se chi lo fa non rispetta alcune semplici norme igieniche. Inoltre, le conseguenze sono molto più serie se il tatuatore è inesperto. Ecco quelle più frequenti:

  • insorgenza di piccole eruzioni sulla pelle, dovute all’uso dell’ago, che in alcune persone può causare un senso di fastidio e prurito. Tale fenomeno è più marcato quando l’ago viene usato più volte, cioè non è monouso;
  • comparsa di manifestazioni allergiche, come prurito, rossore ed eczemi, dovute al contatto della pelle con le sostanze colorate, riconosciute dall’organismo come corpi estranei. Per evitare tale situazione, si devono usare solo materiali e colori certificati;
  • se gli strumenti non sono sterilizzati e monouso, si può correre il pericolo di contrarre infezioni serie trasmesse con il sangue, come l’epatite B o l’Hiv. Con l’ago, infatti, il sangue infetto può entrare nell’organismo della persona e contagiarla.

Come comportarsi dopo
Finito il tatuaggio, è bene ricoprire la zona con una garza di cotone, in modo da evitare contatti con tessuti che possono irritarlo, e non bagnarlo nelle 24 ore successive. La garza può essere tolta dopo qualche giorno, quando l’eventuale arrossamento della pelle è scomparso.

Il giorno dopo fare frequenti impacchi freddi con soluzione fisiologica o con antisettici, per ridurre il naturale gonfiore che compare al termine dell’intervento, evitare di prendere il sole nei giorni successivi e non indossare vestiti particolarmente attillati, per non irritare la pelle tatuata.

Su consiglio del dermatologo, può essere utile spalmare sul disegno un leggero velo di crema ammorbidente e pulire con un disinfettante che non contiene alcol tutta la zona vicina.

Al primo segno di irritazione o di infezione (caratterizzato da rossore diffuso che non sparisce entro poche ore, prurito e fastidio) è necessario non perdere tempo e sentire al più presto il parere di uno specialista, che valutare se è presente un’infezione e come trattarla.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: