Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Interviste
  4. /
  5. Cellulite acquosa: sgonfiarsi drenando

Cellulite acquosa: sgonfiarsi drenando

La cellulite acquosa è quella più diffusa che colpisce donne magre e grasse indifferentemente perché è causata da un affaticamento del microcircolo che non è connesso a una situazione di sovrappeso. Per combattere la cellulite acquosa si possono mettere in pratica alcune semplici regole quotidiane, quali: fare una camminata di due o tre chilometri al giorno, fare regolarmente, anche in casa, un massaggio, evitare l’uso del sale, bere almeno due litri di acqua al giorno e inserire nella dieta quotidiana mirtilli, more, lamponi, ananas, lattuga e ciliegie.

Cos’è la cellulite acquosa?

Questo stadio della cellulite è causato da una cattiva circolazione venosa e linfatica che causa la ritenzione idrica. I vasi sanguigni perdono elasticità e si dilatano, così la parte acquosa del sangue si raccoglie tra le cellule grasse che, ammucchiate, non riescono a respirare e a trasferire nel sangue le tossine; quindi la pelle si impregna di liquido e di sostanze di scarto e le cellule di grasso si raggruppano formando i cuscinetti, cioè la pelle “a materasso”. Dunque, per avere una corpo modellato e in forma bisogna riattivare il microcircolo del sangue. La cellulite acquosa colpisce soprattutto braccia, cosce, polpacci e caviglie. In questa fase la pelle rimane comunque morbida al tatto ma comincia a presentare un tessuto irregolare che piano assume le caratteristiche della buccia d’arancia.

Eliminare i liquidi basta per sgonfiarsi?

Favorire la diuresi è un’ottima soluzione per migliorare la cellulite acquosa, è necessario consumare bevande povere di zuccheri e dall’azione drenante. In primis tanta acqua, meglio se oligominerale o poco mineralizzata. Attenzioni a succhi o centrifughe alcune contengono molti zuccheri che favoriscono lo sviluppo della ritenzione idrica. Il processo di diuresi può sicuramente aiutare a ridurre il senso di gonfiore, eliminando le tossine. Per eliminare la cellulite acquosa nel migliore dei modi è necessario però combinare diverse buone abitudini.

Cosa bere e mangiare per drenare i liquidi?

Porta in tavola i frutti di bosco come mirtilli, more e lamponi perché rinforzano i capillari, ma anche l’ananas, la lattuga e le ciliegie, che hanno una leggera azione diuretica e quindi aiutano ad eliminare liquidi e a sgonfiarsi. Ottime anche tisane drenanti o the con frutti di bosco (mirtilli in particolare), pilosella, carciofo, ippocastano e centella asiatica, da consumare ovviamente senza zucchero. Consigliati anche gli agrumi che contengono vitamina C, che aiuta il microcircolo. Il procesos di diuresi può sicuramente aiutare a ridurre il senso di gonfiore, ma per eliminare la cellulite servono poi altre buone abitudini connesse.

Quali sono i vasocostrittori che aumentano la cellulite?

Per combattere la cellulite acquosa è importante evitare di usare troppo sale, perché il sale trattiene i liquidi mentre l’acqua elimina quelli in eccesso.Attenzione a caffè e fumo: sono vasocostrittori, cioè restringono i vasi sanguigni, e quindi riducono la quantità di sangue che circola e impediscono l’ossigenazione delle cellule. Per lo stesso motivo è bene evitare di indossare abiti troppo stretti e attillati e preferire, invece, vestiti e biancheria comodi e leggeri.

Massaggi e sport possono aiutare contro la cellulite?

Camminare per due o tre chilometri al giorno riattiva la circolazione e tonifica i muscoli, in particolare quelli del polpaccio che, quando si muovono, spingono il sangue verso l’alto. Per lo stesso motivo e anche per drenare i liquidi in eccesso, suggerisco di dedicare venti minuti al giorno a un massaggio in casa. Basta partire dal basso, dalle caviglie, e risalire il corpo facendo una leggera pressione con le mani come se dovesse indossare un calza. Interessante può essere eseguire un trattamento di linfodrenaggio o massaggio Mass-Mar, da un’estetista esperta o un centro specializzato. Anche le attività in acqua fanno molto bene e sono utili per riattivare la circolazione. Al mare concediti delle passeggiate in acqua per ridurre considerevolmente gli inestetismi della cellulite acquosa. Step e zumba sono altre due tipologie di allenamento che possono riattivare la circolazione.

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: