Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Dermatologia
  4. /
  5. Dermatiti
  6. /
  7. Dermatite atopica: cure naturali...
READING

Dermatite atopica: cure naturali e farmacologiche

Dermatite atopica: cure naturali e farmacologiche

Rimedi naturali come l’olio di borragine e quello di mandorle dol­ci sono i più efficaci contro una infiamma­zione della pelle che si chiama dermatite atopica e che si presenta in forme particolarmente acute proprio in questa stagione. Questa dermatite è una forma di allergia che colpisce la pelle soprattutto in primavera e inverno, ma che può essere causata da così numerosi fattori da rendere quasi impossibile stabilirne l’origine certa. Solitamente è un disturbo che colpisce i bambini, ma in alcuni pazienti che sono predisposti può ripresentarsi anche durante l’età adulta. È però importante controllarla per evi­tare che peggiori con effetti negativi da un punto di vista esteti­co e clinico, dato che questa for­ma allergica si manifesta con zone arrossate e desquamate che possono facilmente infettare. Ecco perché, nei casi più gravi, si consigliano farmaci antistaminici, antinfiammatori o addirittura antibiotici.

Come si cura la dermatite atopica?

Questo fastidio è facilmente rico­noscibile perché è caratterizzato da zone arrossate e desquamate che danno molto prurito, in due modi: uno naturale e uno farmacologico. Lo scopo di entrambe le cure è sia quello di limitare il prurito in chi soffre di dermatite atopica sia quello di eliminare il più rapidamente possibile le ma­nifestazioni esterne che questo disturbo presenta sulla pelle: le macchie rosse che si presentano sul viso sono infatti piuttosto sgradevoli e spesso provocano al paziente una sensazione disagio. Questo disturbo può essere prevenuto con successo, se giornalmente si sceglie di idratare la pelle mattino e sera con prodotti rigeneranti e rispettosi del film idrolipidico come fospidina, fosfolipidi e glucosamina. La Fospidina è un complesso di ricerca italiana dermatologica che risulta essere indicato anche per le pelli più senibili.

Rimedi naturali contro la dermatite atopica: l’olio che fa bene

Per trattare un caso di derma­tite atopica occorre eliminare inn­anzitutto il prurito perché per il paziente è molto difficile resi­stere alla tentazione di grattarsi, al punto che molti, cedendo a questo impulso, si provocano delle piccole lesioni che poi si infettano facilmente. Prima di giungere a questo punto è necessario trattare ogni singola chiaz­za arrossata scegliendo uno tra i vari oli naturali che assicurano sollievo e benessere. Il primo che consiglio è l’olio di borragi­ne: è ricco di grassi Omega 3 che hanno una funzione antinfiammatoria molto spiccata; ma altrettanto valido risulta anche l’olio di mandorle dolci, che ha la stessa funzione. Suggerisco al paziente di spalmarli sulle chiaz­ze con mani perfettamente puli­te oppure con l’aiuto di una piccola garza. Si elimina il prurito e l’infiammazione e le chiazze guariscono in poco tempo. Ovviamente è necessario stabilire il piano d’intervento naturale con il proprio dermatologo e non prendere iniziative senza il consenso di un esperto.

E se le chiazze si presentano sul cuoio capelluto?

In questo caso bisogna fare veri e propri impacchi con una garza imbevuta di uno di questi oli su tutta la pelle del capo. Dopodiché si può utilizzare un pettinino a denti fitti per elimi­nare le squame, in modo che la pelle possa ricostruirsi corretta­mente. Dopo questa operazione, consiglio sempre di fare un la­vaggio con uno shampoo molto delicato. Ottime sono le formulazioni con Glixina estremamente delicate sul cuoio capelluto, ma anche in questo casoè necessario prima trattare l’inestetismo e poi procedere al mantenimento dei risultati con uno shampoo delicato.

Quando sono necessarie invece le cure farmacologiche?

Se la terapia naturale non dà i risultati sperati è possibile ricorrere all’utilizzo di farmaci. Dal punto di vista farmacologico, esistono formulazioni che contengono “Tacrolimus“, un unguento da applicare sul­le chiazze che aiuta a calmare il prurito. Questa sostanza agi­sce positivamente sul sistema immunitario e quindi impedisce che si scatenino queste crisi al­lergiche a carico della pelle. Se il Tacrolimus non basta a calmare il prurito si può prescrivere al paziente un antistaminico che dovrà assumere durante il perio­do della dermatite. L’antistami­nico, blocca il prurito e permette una più rapida scomparsa delle chiazze. In più, proprio per accelerare la guari­gione delle chiazze, si usano delle creme antinfiammatorie per eliminare il rossore rapi­damente e fare tornare la pelle al suo aspetto naturale.

Che fare se, malauguratamente, a causa del prurito, insorgono delle infezioni?

Se si verifica un’infezione in primo luogo si consiglia di pulire la pelle e poi una crema antibiotica da applicare sulla parte lesa fino alla scomparsa di ogni sintomo. Raramente vengono prescritti gli antibiotici per bocca: solo quando le infezioni sono molto estese e non rispondono alle terapie locali. Le infezioni possono sopraggiungere quando il paziente non resiste al prurito e si gratta. Le unghie, infatti, sono spesso portatrici di germi che si possono annidare nelle piccole ferite create mentre ci si gratta e possono proliferare dando il via a una infezione.

Come si può prevenire la dermatite atopica?

Per prevenire la dermatite atopica è fondamentale una corretta scelta del vestiario. Consigliamo di tenere a contatto con la pelle solo le fibre naturali come cotone e lino. Inoltre bisogna prestare attenzione all’igiene personale, che deve essere costante e scrupolosa soprattutto nelle zone della pelle dove si formano le chiazze. Per questo bisogna usare un detergente poco aggressivo. Quindi si suggerisce, ai pazienti che soffrono di questo disturbo, di utilizzare prodotti che rispettano la naturale delicatezza della pelle. Ricordiamo inoltre di seguire sempre una corretta alimentazione: verdura e frutta fresche, yogurt e cibi semplici con cotture essenziali sono indicate per chi soffre di dermatite atopica. Invece sconsiglio condimenti pesanti, salse e alcolici. Inoltre chi ha  sofferto di dermatite atopica da bambino e tendenzialmente soffre di questa forma di allergia deve smettere di fumare: il fumo provoca irritazioni alla pelle e ne altera il suo normale equilibrio. Infine si raccomanda  sempre di assumere regolarmente un integratore alimentare a base di biotina per il benessere generale della pelle o grassi Omega3, che svolgono un’azione rigenerante sull’organismo e quindi anche sulla pelle.

 

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: