Mani al freddo: come proteggerle?

Proteggere le mani dal freddoQuando le temperature scendono a picco, le nostre mani possono irritarsi, diventare rosse, screpolarsi. La pelle brucia e si può fessurare, dando luogo a manifestazioni cutanee come la Dermatite da freddo.

Come possiamo intervenire? Ecco alcuni consigli:

1. È importante coprire le mani con guanti quando si esce all’aperto;

2. Quando si lavano le mani, l’acqua deve essere sempre tiepida. L’acqua calda tende infatti a seccare la pelle, poiché elimina le sostanze utili per mantenerla idratata;

3. Le mani vanno poi asciugate con cura, tamponandole con un asciugamano morbido. Man mano che le si asciuga, risulta molto utile fare delle leggere pressioni sulla cute, azione che facilita la circolazione e quindi l’afflusso di sangue più ossigenato, che offre un valido aiuto alle cellule sofferenti;

4. Può essere infine di grande supporto fare un impacco, soprattutto quando iniziano a esserci fessurazioni. Per realizzarlo, si possono utilizzare creme che contengono Fospidin, un complesso attivo costituito da due principi naturali:

  • i Fosfolipidi, che sono le sostanze che compongno le membrane delle nostre cellule e perciò riescono a rinfozarle, in modo da difenderle dal freddo e
  • la Glucosamina, che favorisce la formazione di nuovo acido ialuronico e di collagene, fondamentali per mantenere la pelle nutrita, idratata in profondità e resistente.

L’azione di questo complesso aiuta anche a ricompattare le cellule cutanee superficiali, le cosiddette cellule cornee. Quando si perdono i legami che le tengono unite, si vengono a creare microfessurazioni spesso dolorose, in cui umidità e freddo sono molto  deleteri, aggravando ulteriormente lo stato irritativo.

Di sera, può essere perciò utile applicare la crema e poi indossare dei guanti leggeri di polietilene, gli stessi usati al supermercato quando si scelgono frutta e verdura. È sufficiente tenere l’impacco per un’ora e il risultato che si ottiene è molto efficace.

Questa voce è stata pubblicata in Blog e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento