Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Abbronzatura e Sole
  4. /
  5. Sole
  6. /
  7. Eritema solare: cura e...
READING

Eritema solare: cura e prevenzione

Eritema solare: cura e prevenzione

Come trattare l'eritemaEstate è sinonimo di abbronzatura. L’istinto, in ogni momento libero, è di andare in spiaggia, in montagna, al lago o anche semplicemente al parco per godersi il sole. Ma l’esposizione può portare anche spiacevoli inconvenienti, come l’eritema solare. Vediamo insieme come curarlo e come prevenirlo.

Come si riconosce l’eritema solare?

Quando la pelle è interessata da eritema essa appare leggermente gonfia e con un rossore generalizzato, oppure sembra essere stata strofinata con le ortiche. L’eritema si accompagna inoltre a sintomi dolorosi: il paziente prova infatti un senso di fastidio misto tra il prurito e il bruciore.

Eritema solare: i rimedi naturali

Se l’eritema solare sul viso è lieve è possibile trattarlo con un semplice rimedio “fai-da-te”, che sfrutta le proprietà lenitive e antinfiammatorie dell’amido. Dopo una doccia rigenerante, occorre prendere un po’ di pane e inzupparlo in acqua, fino a renderlo poltiglia.

Il pane deve essere poi avvolto in un canovaccio e applicato sull’area interessata dall’eritema. In questo modo, l’arrossamento e l’irritazione saranno alleviate dall’amido rilasciato dal pane bagnato. L’impacco va tenuto per venti minuti circa ed effettuato due volte al giorno. Una valida alternativa per curare l’eritema, basata anch’essa sull’azione dell’amido, consiste nell’applicare sulla zona colpita delle fette di patate crude. Se entro due giorni non si riscontrano miglioramenti evidenti, è necessario rivolgersi al proprio dermatologo per un trattamento farmacologico.

Come prevenire l’eritema solare?

La prima cosa da tenere presente è che l’eritema solare non è provocato solo dall’effetto dei raggi ma anche dal calore. Una cura preventiva per l’eritema prevede dunque che la pelle non si surriscaldi, obiettivo che si può ottenere facendo delle docce frequenti o spruzzando sul corpo dell’acqua minerale con l’uso di un nebulizzatore. È poi fondamentale salvaguardare la cute con l’applicazione di prodotti protettivi da scegliere in base al proprio fototipo. Le creme vanno spalmate una mezz’ora prima di esporsi e riapplicate ogni due ore e sempre dopo ogni doccia o bagno in mare.

L’esposizione diretta al sole deve essere graduale: si inizia con una decina di minuti il primo giorno, aumentando progressivamente la permanenza nelle giornate successive. Va inoltre evitato di esporsi nelle ore centrali, dalle 11 alle 16 circa, momento in cui i raggi risultano particolarmente intensi. Da non dimenticare di idratare correttamente la pelle, bevendo due litri di acqua al giorno uniti a tisane e centrifugati di frutta e verdura fresche, e consumando alimenti con grandi quantità di acqua, come anguria, meloni, albicocche, pesche, peperoni, pomodori e carote.

Riequilibrare la pelle in estate per evitare l’eritema

A fine giornata, dopo la doccia, la pelle va infine riequilibrata con l’uso di prodotti specifici, ricchi di sostanze come l’acido ialuronico, i fosfolipidi e la glucosamina. Tra i composti di ultima generazione emerge la Fospidina, principio attivo di grande efficacia per idratare la pelle in profondità e contrastare eventuali problematiche cutanee legate all’esposizione solare.

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: