Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. News
  4. /
  5. Forfora: come combatterla se...
READING

Forfora: come combatterla se dipende da un fungo?

Forfora: come combatterla se dipende da un fungo?

La forfora è tra gli inestetismi più odiati perché difficile da sconfiggere e proprio quando sembra eliminata riappare come per magia. In un’intervista al Corriere della Sera il prof. Antonino Di Pietro consiglia come riconoscerne le cause e trovare i rimedi più efficaci.

Da cosa può dipendere la comparsa di forfora?

La forfora può essere causata da funghi. Recenti studi testimoniano infatti come il responsabile di questo disturbo fastidioso e imbarazzante sia il fungo Pityrosporum, un miceto che si nutre degli olii della pelle. Questo potrebbe spiegare perché a soffrire di forfora siano soprattutto le persone con capelli grassi e gli uomini la cui cute produce fisiologicamente più sebo. Esistono anche teorie contrarie che sostengono come in realtà la forfora non sia sempre causata dai funghi: in alcuni soggetti la presenza del fungo Pityrosporum sulla cute non comporta la formazione di forfora. In questi casi potrebbe trattarsi del contagio di alcuni batteri della famiglia degli strafilococchi.

Come avviene il contagio con il fungo che causa la forfora e come riconoscere una forfora causata da funghi?

Le cause della forfora sono moltissime, il consiglio è quindi rivolgersi a un dermatologo esperto, l’unico in grado di fornire una corretta diagnosi e il trattamento più indicato per attenuarne i sintomi. Spesso la forfora può essere infatti confusa con dermatite seborroica. In sintomi sono praticamente simili: anche la deramtite seborroica si manifesta con desquamazione e piccole scaglie bianche. Le differenze sostanziali tra forfora e dermatite seborroica risiedono nel modo in cui si manifestano i sintomi. Ad esempio, la dermatite seborroica non colpisce solo il cuoio capelluto, ma anche altre parti del corpo o del viso. Il fungo Pityrosporum non si trasmette tramite il contagio, è naturalmente presente sull’epidermide, ma in determinate condizioni (a causa di agenti esterni o predisposizione genetiche) la sua attività risulta alterata e può generare inestetismi cutanei come la forfora.

Quali sono le abitudini errate che possono favorire la comparsa di forfora?

Quando la forfora è accompagnata da prurito può trattarsi di una risposta allergica a qualche prodotto per capelli come tinte, decolorazioni o anche un banale shampoo. Quando infatti la cute viene sensibilizzata da alcuni agenti esterni si protegge, aumentando la produzione di sebo che si accumula sul cuoio capelluto generando prurito e desquamazione. Anche lo stress gioca un ruolo determinante nella comparsa di prurito e forfora, che porta il paziente a grattarsi avidamente, peggiorando la situazione. Attenzione anche al lavaggio dei capelli: quando si utilizza troppo shampoo o non si sciacqua bene la chioma possono rimanere tracce di prodotto che aiutano la proliferazione del fungo Pityrosporum. Non dimenticarti dell’alimentazione: siamo quello che mangiamo. Ebbene tra le cause della forfora c’è anche l’alimentazione: quando questa è ricca di grassi saturi può incentivare la ricaduta dell’inestetismo. Meglio preferire il consumo di proteine bianche, pesce, frutta e verdura.

Quali sono i rimedi naturali per combattere il fungo che provoca la forfora?

Attenzione al classico shampoo antiforfora da supermercato: spesso può contenere tensioattivi aggressivi (sostanze schiumogene) che favoriscono la proliferazione dei funghi scatenanti l’irritazione. Scegli invece uno shampoo delicato con Alukina, un complesso costituito da attivi sebo equilibrante che aiutano a calmare l’eccessiva produzione di sebo, rossore e prurito. Questo complesso è ottimo anche in caso di dermatite seborroica del cuoio capelluto. Per ridurre la forfora causata dal fungo Pityrosporum ci sono altri attivi come zinco piritone dall’azione antifungina, solfuro di selenio (anch’esso antifungino) che contribuisce anche a ridurre la velocità del ricambio cellulare e quindi aiuta a mantenere sotto controllo la produzione di sebo. Nei casi più severi può essere prescritto un farmaco antifungino con ketoconazolo. Tra i rimedi naturali antiforfora utile è il catrame vegetale ma a un odore sgradevole.

Leggi l’articolo

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: