Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Dermatologia
  4. /
  5. Insetti
  6. /
  7. Quanto può essere pericoloso...
READING

Quanto può essere pericoloso un morso di ragno in ...

Quanto può essere pericoloso un morso di ragno in Italia?

Non abitando in un paese tropicale è difficile entrare in contatto con specie di ragni velenosi. Tuttavia, anche se i ragni italiani sono tendenzialmente innocui, il loro morso potrebbe causare delle reazioni allergiche nei soggetti predisposti. Scopriamo insieme come riconoscere un morso di ragno e come trattare la pelle in questo caso.

Quali sono le specie di ragno più pericolose diffuse in Italia?

Il ragno violino il più pericoloso d'Italia.

Il ragno violino è la specie di aracnide più pericolosa che possiamo incontrare sul territorio italiano. Si tratta del Loxosceles rufescens ed è chiamato ragno violino perché presenta sul corpo una macchia che ricorda proprio lo strumento musicale. Questo ragno è molto piccolo e di colore scuro, solitamente non morde l’essere umano a patto che non si senta minacciato. Il suo veleno è nocivo per l’uomo e nei soggetti allergici può avere conseguenze come ulcera e necrosi.

La vedova nera italiana: il ragno malmignatta.

Il ragno malmignatta è la seconda specie da cui dobbiamo stare lontani. È un lontano parente della vedova nera, anche se il suo veleno non è così letale. Si presenta di colore nero con macchie rosse e morde solo se disturbato o se si sente in situazione di pericolo. Il suo morso risulta letale in rari casi, quasi nulli, ma può avere controindicazioni come febbre, nausea e vertigini nei soggetti sensibili.

In quali ambienti è più facile trovare ragni?

I ragni in natura prediligono luoghi rocciosi e brulli come grotte, sassi oppure alberi e arbusti. Solitamente sono notturni, ma molte specie amano anche la luce; non a caso è facile notare, di sera, molte ragnatele intorno a lampioni o luci del giardino. La capacità di sopravvivenza dei ragni italiani si è evoluta nel tempo e spesso è facile trovare ragni in casa. Questo perché questi animali sono attratti dal caldo e rifugiandosi nelle nostre case sono al riparo dai predatori. In casa solitamente si trovano nei luoghi bui e umidi come cantine, bagni o mansarde. Ma anche dietro a mobili, battiscopa e sotto scatole di cartone.

Quali sono i sintomi di un morso di ragno?

I sintomi del morso di ragno possono variare da persona a persona. I ragni velenosi italiani solitamente non trasmettono una quantità di veleno potente a sufficienza per causare dei danni significativi al nostro organismo. Eventuali problemi potrebbero emergere se il soggetto che viene morso dal ragno ha una reazione allergica dovuta al veleno iniettato. I ragni italiani di rilevanza medica sono quelli che abbiamo già citato (violino e malmignatta) che in casi particolari possono richiedere interventi di uno specialista per la cura e il trattamento del morso di ragno.

Se veniamo morsi dal ragno violino, ad esempio, non sentiremo subito il dolore. Gli effetti del morso compaiono dopo qualche ora con rossore, formicolio e prurito: se il morso di ragno violino non viene diagnosticato correttamente entro 48-72 ore, sulla pelle cominciano ad apparire delle vescicole che poi si rompono creando piccole ulcere. Tutto questo è causato dal veleno del ragno violino, esso contiene un enzima che distrugge le cellule della pelle liquefacendo il tessuto colpito.

Anche il morso della malmignatta è asintomatico all’inizio e quindi difficile da individuare. Il veleno ci mette circa 15 minuti prima di espandersi ed avere effetti sul corpo. Il morso di questo ragno sviluppa sintomi quali nausea, vomito, febbre e brividi. Il soggetto può avvertire anche affaticamento cardiovascolare e crampi muscolari. Questi sintomi possono essere paragonati a quando si viene punti dal ragno vedova nera, cugino della malmignatta, ma per fortuna senza le stesse controindicazioni letali. Anche in questo caso è opportuno intervenire subito e grazie all’aiuto di un medico.

È importante rassicurare sul fatto che gli effetti di questi veleni variano da soggetto a soggetto e dalla condizione di salute della persona vittima del morso di ragno.

Come trattare la pelle che è stata morsa da un ragno?

Non appena siamo in grado di riconoscere il morso di un ragno, possiamo procedere in questo modo:

  • è bene lavare subito la zona interessata con acqua e un detergente disinfettante o lenitivo;
  • per ridurre il gonfiore si può anche applicare localmente del ghiaccio.
  • se possibile, catturare l’esemplare che ci ha morsi per verificare di che specie di aracnide si tratti;
  • eventualmente contattare il dermatologo o medico per comprendere la terapia da adottare più efficace.

Quando è necessario rivolgersi a un dermatologo?

Quando si viene morsi da un ragno le reazioni sono soggettive. I sintomi del morso di ragno non sono sempre riconoscibili immediatamente. Solitamente i morsi di ragno si presentano con gonfiore locale e rossore, alcuni dolorosi, altri meno. È fondamentale mantenere monitorata la parte interessata dal morso di ragno, per verificare eventuali risposte cutanee come vescicole o rush cutanei. Nei casi di risposta allergica il dermatologo consiglierà un’eventuale terapia con pomate a base di antistaminici e cortisone.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: