Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Cura del Corpo
  4. /
  5. Parti Intime
  6. /
  7. Tricomoniasi: i sintomi e...

Tricomoniasi: i sintomi e le cure

La tricomoniasi è un’infezione sessualmente trasmissibile che colpisce sia gli uomini sia le donne, con una stima di circa 5 milioni di persone interessate ogni anno. La malattia è causata da un microrganismo chiamato Thricomonas e si trasmette attraverso rapporti sessuali vaginali o mediante il semplice contatto con la vulva di una partner infetta. Sebbene il contagio avvenga prevalentemente per via sessuale, l’infezione si può prendere anche attraverso il contatto con biancheria intima infetta o nei bagni con scarsa igiene. Ma quali sono i sintomi tipici della tricomoniasi e qual è l’iter di cura? Vediamolo insieme.

I sintomi della tricomoniasi

I sintomi tipici della tricomoniasi nell’uomo sono:

  • irritazione del pene;
  • bruciore e piccole perdite dopo la minzione o l’eiaculazione;
  • secrezione di muco dall’uretra.

Nelle donne, invece, l’infezione della tricomoniasi si manifesta con:

  • perdite vaginali di colore giallastro o verdastro dall’odore forte;
  • irritazione o prurito nella zona dei genitali;
  • dolore durante la minzione e i rapporti sessuali;
  • in alcuni casi, fastidio al basso ventre.

Contrarre la tricomoniasi in gravidanza può avere numerose complicanze per la salute del feto e provocare parti o rotture della membrana prematuri. Per questo durante la gestazione è caldamente consigliato l’uso del profilattico nei rapporti sessuali.

Come capire se l’infezione è in corso e come curare la tricomoniasi?

La diagnosi della tricomoniasi avviene attraverso un esame di laboratorio, prelevando per mezzo di un tampone un campione di perdite e osservandolo al microscopio. La cura dura dai 6 agli 8 giorni e viene solitamente effettuata con farmaci a base di metronidazolo che devono essere assunti anche dal partner. Alcuni medicinali, come gli antibiotici, devono essere sospesi durante l’assunzione del metronidazolo e particolare attenzione dovrà essere posta dalle donne in fase di allattamento, che dovranno rivolgersi al proprio medico per conoscere le corrette modalità di assunzione del farmaco.

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: