Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Gravidanza e Mamme
  4. /
  5. Gravidanza
  6. /
  7. Gravidanza: tintura sì, tintura...
READING

Gravidanza: tintura sì, tintura no

Gravidanza: tintura sì, tintura no

Quando si è in attesa di un bambino è bene essere caute nell’usare prodotti chimici che vengono assorbiti dal corpo. Per questo sono molte le future mamme preoccupate nell’utilizzare prodotti sintetici per tingere i capelli, anche se solo per coprire gli inestetici capelli bianchi. In realtà l’unica sostanza potenzialmente pericolosa è la parafenilendiamina, la cui funzione è di fissare più a lungo il colore. La sua pericolosità tuttavia è strettamente legata alla quantità presente nei prodotti. Se poi pensiamo che la tintura è un trattamento che si esegue non più di tre/quattro  volte durante la gestazione, in effetti il tempo di contatto del prodotto con il cuoio capelluto è davvero limitato con un assorbimento sistemico minimo.

In genere la tinta è sconsigliata solo durante i primi mesi di gravidanza. E’ comunque meglio optare sempre perché sia vegetale e senza sostanze potenzialmente irritanti per il cuoio capelluto. Occorre leggere sempre attentamente le etichette scegliendo preparati senza ammoniaca, resorcina, PFD (parafenilendiamina), che potrebbero provocare dermatiti. Un consiglio da seguire a maggior ragione in gravidanza quando la pelle è più sensibile e potrebbe essere maggiormente soggetta a irritazioni che richiederebbero l’uso di farmaci.

Comunque alcune di queste sostanze sono assenti nelle cosiddette colorazioni dirette o ad acqua che hanno sì un minore effetto coprente scaricandosi dopo pochi lavaggi, ma meno aggressive rispetto alle tradizionali tinture permanenti e quindi possono rappresentare un buon compromesso durante i nove mesi.

Tra le tinture vegetali l’henné, spesso miscelato con altri pigmenti naturali, come mallo di noce, tè, mirtillo, betacarotene. Il limite è che non sono adatte ai capelli biondi, perché le tonalità sono scure o ramate. Poi pur essendo poco coprente e duratura dona una capigliatura lucente e corposa.

I colpi di sole, a differenza delle tinture, vanno a decolorare solo il fusto, non toccano il bulbo, che è la parte vitale dove arrivano i capillari eliminando il problema dell’assorbimento cutaneo. La permanente è sconsigliata non per problemi di tossicità, ma perché stressa molto i capelli quando già si presentano fragili. Infine i trattamenti stiranti alla brasiliana o alla cheratina utilizzano sostanze in grado di rilasciare formaldeide, che è un composto cancerogeno.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: