Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Inestetismi e Rimedi
  4. /
  5. Acne e Brufoli
  6. /
  7. Trattamenti farmaceutici e dermatologici...
READING

Trattamenti farmaceutici e dermatologici contro l&...

Trattamenti farmaceutici e dermatologici contro l’acne

Non solo adolescenti. Secondo le ultime indagini, è in aumento il numero di donne tra i 30 e i 40 anni con problemi di acne. Che, se non è ben curata, lascia antiestetiche cicatrici. Ora l’acne però si può sconfiggere con successo. Basta affrontarla per tempo e avvalersi degli ultimi ritrovati in campo medico e biotecnologico. I risultati non tarderanno ad arrivare. Ecco le nuove strategie per combatterla efficacemente.

Tretinoina e altri rimedi farmaceutici contro l’acne

Farmaci per via orale. Questo è il vero zoccolo duro delle terapie farmaceutiche antiacne. Diversi a seconda dei fattori che hanno scatenato il problema, spesso, su parere del medico che li prescrive, vanno associati:

  • Tretinoina. È l’ultima frontiera farmacologica, spesso la più efficace. Derivata dalla vitamina A, si usa per 3- 5 mesi nelle forme di acne più resistente e agisce direttamente sulle ghiandole sebacee, rinforzandole e rendendole meno sensibili alle stimolazioni ormonali e ambientali. A dosaggi elevati, per via dei pesanti effetti su fegato e mucose, va assunta sotto stretto controllo medico.
  • Pillola anticoncezionale. Se, in concomitanza con le pustole, compare una leggera peluria sul viso e i capelli diventano grassi, la colpa è degli ormoni maschili (androsterone, testosterone) che il nostro organismo, spesso in situazioni di stress, si è messo a produrre in maggiore quantità. Per riequilibrare la secrezione ormonale il medico può decidere di prescrivere una pillola contraccettiva contro l’acne a base di estrogeni e antiandrogeni (ciproterone acetato) per almeno 6 mesi (a cicli).
  • Antibiotici. Clindamicina, minociclina cloridrato, eritromicina sono un buon aiuto per spazzare via i batteri che formano le pustole e disinfiammare le ghiandole sebacee. Efficaci nelle forme acneiche più leggere, devono essere assunti ciclicamente per non più di un mese.

Trattamenti veloci dal dermatologo per attenuare l’acne

Efficaci, di breve durata, i trattamenti contro l’acne da fare presso lo studio del dermatologo accelerano i processi di guarigione e danno subito alla pelle un aspetto migliore e più levigato. Valido supporto alla cura per bocca, si possono effettuare anche nell’intervallo di colazione, perché non arrossano il viso. Ecco i principali:

  • Peeling all’acido glicolico o acido salicilico. Consigliati per i casi più leggeri di acne, disgregano i comedoni e regolarizzano la produzione di sebo. I trattamenti (3-4 sedute, durata 20 minuti l’una, costo circa 150 euro a seduta), vanno effettuati a distanza di una, due settimane l’uno dall’altro.
  • Laser. Usato il tipo a diodi, che interagisce direttamente con il follicolo sebaceo infiammato. Nei casi di acne più resistente la sua azione antibatterica e seboregolatrice è un buon aiuto per accelerare la guarigione delle pustole. Le sedute (circa una decina, durata 20 minuti circa, 150 euro l’una) devono essere fatte a 7 giorni l’una dall’altra.
  • Biorisonanza. Pustola per pustola, l’acne viene bombardata da onde a radiofrequenza che regolano il sebo, stimolano la circolazione locale e accelerano i processi di riparazione. Da 3 a 5 sedute da 30 minuti l’una, 2 volte alla settimana. Costo: 80-100 euro ciascuna.
Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: