Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.dermoclinico.it
READING

Il peeling giusto per ogni tipo di pelle

Il peeling giusto per ogni tipo di pelle

Un peeling è un trattamento non invasivo che può apportare grandi benefici alla pelle del viso, eliminando le cellule morte e dando nuova luminosità all’incarnato. Per ogni tipo di pelle esiste però un peeling più adatto: scopri con noi qual è quello più corretto per te!

Il peeling per le pelli delicate e secche

Il soft peeling più indicato per la pelle secca o molto delicata è quello a base di glicodex, un gel trasparente costituito da acido glicolico al 70% e destrine. Le destrine rappresentano la vera novità. Sono, infatti, molecole vegetali che permettono un rilascio lento e costante dell’acido glicolico, favorendone così un’azione più delicata, ma efficace. Con glicodex si rompono i legami tra le cellule più mature, eliminando le più vecchie e favorendo in questo modo un corretto riallineamento delle nuove. Il tutto si traduce in maggiore luminosità e freschezza del viso. Il trattamento, da programmare all’inizio della primavera, dura in media 20 minuti per ogni seduta. Va ripetuto preferibilmente ogni 10 giorni per 4 o 5 volte. Dopo 2 ore ci si può tranquillamente truccare, senza irritazioni né arrossamenti. Ogni seduta di soft peeling per il viso costa circa 100 euro. Il costo aumenta se il trattamento si estende anche al collo.

Il peeling per le pelli grasse

Un soft peeling diverso, a base di acido salicilico, è la novità per pelli seborroiche o acneiche. In questo caso il trattamento utilizza una soluzione alcolica al 30% di acido salicilico che viene applicata sul viso e lasciata evaporare. Resta così una patina biancastra, costituita dai cristalli di questo acido, che penetra nei pori cutanei e stacca le cellule superficiali invecchiate. Un ulteriore vantaggio di questo peeling per le pelli grasse consiste nel regolarizzare la produzione di sebo, disgregando i punti neri (comedoni) e le impurità. Il risultato non si farà attendere e la pelle apparirà più giovane, ossigenata e idratata. Il trattamento dura circa 20 minuti e le sedute, da effettuarsi in primavera, devono essere 3 o 4 a distanza di 15-20 giorni l’una dall’altra. Anche in questo caso dopo 2 ore ci si può truccare senza problemi. Il costo si aggira sui 100 euro per ogni seduta a seconda delle zone da trattare.

Il soft laser per rinfrescare il volto

In presenza di capillari, lentiggini, piccole rughe, ispessimento cutaneo è indicato il peeling al laser o lasy-peel. Elimina lo strato superficiale (corneo) dell’epidermide agendo come se si effettuassero parecchie sedute di peeling chimici contemporaneamente senza le controindicazioni (gonfiore, rossore prolungato).

Questo perché la stimolazione laser determina una nuova produzione di collagene e un rinnovamento profondo dell’epidermide. Risultato: aspetto più luminoso e fresco nel giro di pochi giorni. Dopo l’intervento (senza anestesia), leggero rossore (per 24 ore) seguito da un’esfoliazione più o meno intensa della pelle che andrà protetta con schermo totale per almeno un mese. Consigliati 2-3 trattamenti (da:15 minuti l’uno) a distanza di 4-6 mesi l’uno dall’altro e almeno un mese prima di esporsi ai raggi solari. Costo: 600-800 euro a seduta.

Come prolungare gli effetti del peeling

La pelle diventa opaca e spenta quando le cellule superficiali che la rivestono perdono compattezza e omogeneità, per cui la superficie, invece di presentarsi liscia e tonica, appare ruvida e screpolata. Il risultato finale è una conseguenza diretta della legge fisica che regola la riflessione della luce. Se la pelle colpita da un raggio di sole è levigata, la luce si rifletterà in modo omogeneo e brillante; se, invece, è ruvida e disomogenea il riflesso sarà debole e disordinato. Ed è l’inverno che con il freddo, l’umidità e gli sbalzi di temperatura infierisce principalmente sulla stabilità dei legami cellulari, alterandone la struttura e determinando quell’aspetto spento, opaco, quasi polveroso che ha la pelle a fine stagione. L’estate, invece, con il caldo e la vita all’aria aperta, aumenta l’irrorazione e l’ossigenazione cutanea, favorendo il ricambio cellulare e la luminosità della pelle. Un ruolo importante lo gioca anche l’acqua: le frequenti detersioni estive, infatti, rappresentano un prezioso e delicato peeling naturale per l’epidermide.

Per prolungare gli effetti dei trattamenti di medicina estetica a cui ti sei sottoposta, continua a voler bene alla tua pelle anche a casa effettuando scrub del viso regolarmente. Lo scrub elimina le cellule morte rendendo la pelle luminosa ed evitando la formazione di imperfezioni e stimola il turnover cellulare aiutando l’epidermide a restare giovane.

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: