Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Interviste
  4. /
  5. Caldo e freddo per...
READING

Caldo e freddo per dire STOP alla cellulite

Caldo e freddo per dire STOP alla cellulite

La guerra alla cellulite prevede diverse buone abitudini che comprendono attività fisica, cosmetici, una dieta sana e l’intervento del dermatologo. Scegliere la terapia corretta è difficile, poiché in commercio ci sono tantissime soluzioni che promettono un trattamento anticellulite efficace. Cominciamo dalle basi e dal comprendere quale azione tra caldo e freddo è più utile. Quante volte avete acquistato una crema anticellulite che subito dopo l’applicazione dava una leggera sensazione di calore. Fino a pochi anni fa i prodotti contro la buccia d’arancia avevano questa caratteristica riscaldante che sembrava essere la prerogativa di una crema contro la ritenzione idrica efficace.

Cellulite: attenzione al caldo e alle alte temperature

Per combattere la cellulite è necessario proteggersi dal caldo, perché è dannoso per la circolazione e per la pelle. Le radiazioni termiche (i raggi infrarossi) riescono a passare attraverso gli indumenti, e non vengono schermate dalle creme protettive. L’eccesso di calore influenza la circolazione, perché fa dilatare i vasi sanguigni. Questo causa un rallentamento del flusso del sangue e quindi una minore ossigenazione dei tessuti. La prima conseguenza visibile: gambe e caviglie gonfie. Quella meno immediata, ma certa, è il peggioramento della cellulite. E non finisce qui. Le cellule sono programmate per funzionare bene quando la temperatura corporea è normale, intorno ai 37 gradi. La calura le manda in crisi, e il metabolismo si altera. Questo si traduce in una minore produzione di elastina e una conseguente fatica nel riparare i danni causati dai raggi ultravioletti: il processo di invecchiamento accelera.

Un aiuto anticellulite dal freddo

Un trattamento anticellulite a freddo efficace è la criolipolisi. Questa terapia si avvale del gelo per eliminare le cellule adipose che successivamente verranno eliminate naturalmente dal corpo. La scelta di sottoporsi a una seduta di questo tipo deve dipendere dal risultato che vogliamo ottenere. Se si mira alla riduzione del tessuto adiposo il trattamento a freddo è più efficace perché i lipidi sono più sensibili alle basse temperature. Questo trattamento viene eseguito utilizzando la combinazione tra onde a emissione bipolare e una crema conduttrice, che trasferiscono energia direttamente nei fibroblasti, le cellule che producono collagene, le fibre elastiche, i reticolari e le glicoproteine. Le onde contribuiscono a riattivare l’attività dei fibrociti (fibroblasti privi di attività sintetica) favorendo così la produzione di nuovo collagene ed elastina.

La radiofrequenza: trattamento anticellulite a caldo

La radiofrequenza è ottima per ridare tono e compattezza alla pelle, attenuando anche la ritenzione idrica, migliorando l’ossigenazione dei tessuti e la produzione di nuovo collagene. Questo trattamento anticellulite a caldo è consigliato anche dopo periodi di cambiamento come gravidanza e diete a yo-yo che hanno  ridotto l’elasticità dei tessuti.

Un aiuto dalla tavola

La dieta giusta è fondamentale: mangiare bene significa avere gambe più belle. Per migliorare la circolazione, sono ottimi tanti frutti di bosco: contengono sostanze che irrobustiscono le pareti dei vasi sanguigni. Per idratare la pelle, scegliere alimenti ricchi di antiossidanti: il selenio, che si trova negli oli vegetali, la vitamina E e gli omega 3, che sono contenuti nel pesce azzurro. La sera prima di andare a letto può essere una buona abitudine bere una tisana drenante con betulla e tarassaco.

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: