Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Interviste
  4. /
  5. Problemi di circolazione e...
READING

Problemi di circolazione e cellulite: come evitarl...

Problemi di circolazione e cellulite: come evitarli

Non è troppo presto per pensarci e l’inverno non deve essere un alibi: se la cellulite c’è, e le statistiche dicono che otto italiane su dieci ne soffrono, è meglio curarla in anticipo, senza aspettare “l’emergenza spiaggia”. Soprattutto per non perdere tempo prezioso, perché questo disturbo tende a peggiorare inesorabilmente. Per contrastarlo è importante agire con metodo e costanza su fronti diversi: alimentazione corretta, attività fisica e trattamenti mirati.

Dietro alla cellulite ci sono in genere problemi di circolazione

La microcircolazione venosa e quella linfatica si possono alterare per cause diverse, aprendo così la strada alla cellulite. Ecco le principali:

  1. Cause costituzionali La cellulite colpisce in modo quasi esclusivo le donne: gli ormoni femminili contribuiscono, infatti, a creare le condizioni favorevoli alla sua comparsa. Le loro alterazioni e/o variazioni provocano accumulo di grasso e ritenzione idrica. Gli estrogeni sembrano, inoltre, favorire la perdita di elasticità delle pareti dei vasi sanguigni. È facile che la predisposizione ad averla, legata a un’insufficiente elasticità delle vene degli arti inferiori, si trasmetta di madre in figlia. Colpisce inoltre prevalentemente le donne occidentali di razza bianca, che, a differenza delle africane e delle asiatiche, sono più sensibili alle variazioni ormonali e ai danni di un’alimentazione scorretta.
  2. Disfunzioni tiroidee. Gli scompensi legati al cattivo funzionamento della ghiandola tiroide, cui si deve il rallentamento del metabolismo (l’insieme dei processi di trasformazione che avvengono nell’organismo), favoriscono la formazione di adipe localizzato. Aumenti di peso improvvisi o diete squilibrate e troppo drastiche, che procurano perdite di peso rapide e un altrettanto rapido recupero ponderale, hanno effetti negativi sui tessuti cutanei, che si tendono e si “ritirano” come un elastico, perdendo tono ed elasticità.
  3. Fattori aggravanti. Vita sedentaria e posizioni sbagliate del corpo durante lo studio o il lavoro (tipo accavallare le gambe) rendono meno efficiente la circolazione. Anche sonno e riposo insufficienti, stress, fumo determinano una cattiva irrorazione e ossigenazione dei tessuti. Infine, l’uso di vestiti e calzature troppo stretti e costrittivi non agevola il corretto flusso di sangue e linfa.

Perché si forma la cellulite?

Microcircolazione difettosa e ritenzione idrica sono i fattori scatenanti della cellulite, che altro non è se non una alterazione del tessuto adiposo. Quest’ultimo, localizzato sotto il derma (lo strato profondo della pelle) e sopra le fasce muscolari, ha una struttura simile al polistirolo: è formato, infatti, da tante piccole sfere (le cellule di grasso, o adipociti) avvolte da una fitta rete di vasi capillari, le cui pareti sono porose e permeabili. Se i vasi capillari sono in buona salute e funzionano correttamente nessun problema. Ma quando, per cause diverse, si dilatano, i pori situati sulle pareti tendono ad aprirsi e la parte acquosa del sangue (il siero) fuoriesce all’esterno e si deposita fra gli adipociti, negli interstizi del tessuto adiposo, formando un edema, cioè un ristagno di liquidi: questa è la premessa per la comparsa della cellulite. L’edema, infatti, provoca un processo infiammatorio nel tessuto adiposo che “reagisce” irritandosi. Di conseguenza, gli scambi circolatori venosi e linfatici peggiorano ulteriormente, il tessuto, sempre meno ossigenato, si ispessisce e si formano noduli e fibrosità: il grasso si “sclerotizza” e si indurisce, trasformandosi in cellulite.

I tre stadi della cellulite

  1. I cuscinetti. All’inizio il tessuto appare gonfio e spugnoso per l’accumulo di liquidi: il grasso è isolato e superficiale. Si formano cuscinetti su alcune aree del corpo più a rischio, cioè fianchi, cosce, glutei, braccia e ginocchia. In questo primo stadio la permeabilità dei vasi capillari è gia alterata, c’è un edema (cioè un gonfiore), ma non si può ancora parlare di vero e proprio deposito di cellulite perchè il tessuto adiposo sottostante è sano.
  2. La buccia d’arancia. La situazione, se non viene tenuta sotto controllo, tende a peggiorare: con il tempo compaiono gonfiori e pesantezza alle gambe dovuti all’aggravarsi della ritenzione idrica, al processo infiammatorio e alla mancanza di una corretta ossigenazione dei tessuti. La pelle assume un aspetto ondulato, opaco e al tatto si avvertono micronoduli sotto cute. Nel secondo stadio, infatti, la cellulite si rileva anche a occhio nudo: la zona ha una consistenza gommosa ed è evidente l’aspetto a buccia d’arancia.
  3. Il materasso. La pelle è coriacea, ha un colorito grigiastro, lo strato di grasso sotto-cutaneo è spesso, diffuso uniformemente. Si formano delle aderenze fibrose con i tessuti sottostanti (muscoli) e sovrastanti (pelle). Il tessuto adiposo è diventato sclerotico, pieno di noduli dolorosi al tatto, e la circolazione venosa è fortemente ostacolata.

Strategie quotidiane per prevenire la cellulite

Ogni stadio della cellulite richiede rimedi differenziati, per i quali è sempre bene interpellare un dermatologo. Per tamponare il fenomeno, comunque, si può fare molto anche adottando comportamenti corretti e usando con costanza prodotti cosmetici mirati. Non occorre mettersi a dieta, perché non tutta la cellulite è associata al sovrappeso. È necessario invece cambiare le proprie abitudini alimentari, in particolare assumere molti liquidi, almeno un litro e mezzo o due al giorno per garantirsi un buon drenaggio e una buona idratazione oltre che favorire, con il naturale processo di diuresi, l’eliminazione di scorie e tossine.

Oltre all’acqua, fanno bene pure brodi e centrifugati di verdura, tisane drenanti, infusi e decotti. In particolare, utilizzando piante e radici con effetti drenanti, diuretici e depurativi come ortica, pungitopo, prezzemolo, finocchio e anice stellato. È poi cruciale fare esercizio fisico regolare e muoversi per migliorare la circolazione e l’ossigenazione dei tessuti: basta camminare tutti i giorni a passo spedito per 20 minuti o praticare due volte la settimana un esercizio fisico per trenta minuti. Le attività migliori? Quelle aerobiche, come il nuoto, la bicicletta, la corsa. Ma vanno bene anche discipline più “soft”, leggere, come la ginnastica dolce o lo yoga.

Si sconsiglia inoltre di fare bagni troppo caldi, perché il calore dilata le vene. La mattina preferite una doccia, abbinata magari a un massaggio delicato, ricordandovi di concluderla con getti di acqua fredda sulle gambe (dai piedi risalendo verso l’alto), che aiutano a riattivare la circolazione venosa di ritorno. No alle frizioni troppo energiche con il guanto di crine perché possono danneggiare i delicati capillari delle gambe. Anche il relax è importante: ansia e stress fanno aumentare l’adrenalina, un ormone che rallenta lo scioglimento dei grassi.
Per finire, è bene cercare di evitare tutti i comportamenti che possono favorire la cellulite, come fumare, accavallare le gambe o indossare abiti troppo aderenti.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: