Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Cura del Corpo
  4. /
  5. Cosmetici Profumi Make-Up
  6. /
  7. Dermaroller, rullo di giada...
READING

Dermaroller, rullo di giada e device per la pulizi...

Dermaroller, rullo di giada e device per la pulizia del viso: quali rischi e benefici?

I nuovi accessori beauty quali derma roller, rullo di giada e coppette per la cellulite, impazzano sui social e tra le influencer, ma sono davvero trattamenti efficaci per la pelle? Insieme a Federica Ambrogio di Donna Fanpage abbiamo messo chiarezza su vantaggi e svantaggi che possono derivare dall’utilizzo di questi tools skincare.

Dermaroller: quali sono i rischi per la pelle?

Il dermaroller è un piccolo rullo che termina con una testina costituita da piccoli aghi sottilissimi e ravvicinati tra loro. Si utilizza principalmente per il viso con l’obiettivo di rigenerare la pelle e perfezionare i trattamenti successivi con crema o siero. Quando si passa il dermaroller sulla cute, la prima reazione che si innesca a livello cellulare è un processo rigenerativo e riparatore che stimola la produzione di collagene ed elastina. Ma quali sono i reali rischi del passaggio del dermaroller? Il dermaroller non esercita solo delle leggere pressioni, (che potrebbero essere utili in termini di stimolazione del microcircolo) attraverso i piccoli aghi si generano invece dei veri e propri fori sulla pelle, per questo è importante ponderare il suo utilizzo, valutando i reali rischi e benefici. Tra i rischi maggiori dell’utilizzo del dermaroller, c’è la possibilità di scatenare piccole lesioni che potrebbero generare delle infezioni. A seguito di un utilizzo costante, protebbero comparire piccole cicatrici conosciute come aghi di pino. In caso di pelle sensibile e pelle impura o con acne, sarebbe meglio evitare il dermaroller poiché il passaggio di questo strumento su zone interessate da impurità e imperfezioni, potrebbero favorire l’estensione dell’infiammazione su altre parti del viso. Quando una delle punte del dermaroller colpisce per esempio, un brufolo, il pus potrebbe trasferirsi sugli aghi del manipolo e infettare durante il passaggio altre zone cutanee.

Detto questo, non tutte le pelli sono uguali, quindi rischi e benefici del dermaroller per la cute possono verificarsi in maniera differente in ogni individuo. Il consiglio è quindi quello di valutare insieme al dermatologo come utilizzare il dermaroller e con che frequenza. In generale, sarebbe bene evitare l’uso domestico ed eseguire il trattamento solo in ambulatorio.

Rullo di giada: a cosa serve?

Il rullo di Giada è un tool popolarissimo per la skincare routine e diffuso sui social. Si tratta di un manipolo che termina con un rullo costituito da una pietra di giada. I rischi per la pelle del rullo di giada sono limitati rispetto al dermaroller, infatti può essere consigliato per qualsiasi tipo di pelle perché poco invasivo e perché aiuta con un leggero massaggio a stimolare la circolazione. Ciò nonostante, il massaggio esercitato dal rullo di giada, non è performante quanto un massaggio manuale. Inoltre, se il rullo non viene pulito bene, potrebbe essere veicolo di germi e batteri.

Spazzole per la detersione del viso

Le spazzole per la pulizia della pelle sono accessori che supportano la detersione del viso quotidiana, possono essere elettriche o manuali. Le differenze? Con la spazzola per il viso ad azione manuale si pulisce la pelle attraverso un leggero massaggio, mentre la spazzola elettrica esercita un’ulteriore vibrazione durante l’utilizzo. Importante è il mantenimento di questi device per la pulizia, le spazzole devono essere sempre correttamente igienizzate, perché potrebbero diventare terreno fertile per germi e batteri. A casa però, non disponiamo dei corretti strumenti che possono sterilizzare al 100% questi accessori per la detersione. Per questo, il consiglio è utilizzare la miglior spazzola per il viso presente in natura, le nostre mani. Massaggiare un latte detergente con fospidina direttamente con i polpastrelli, regala una pulizia efficace e stimolante. Per un supporto in più, consiglio l’utilizzo di un panno in 100% cotone riciclabile con grammatura 400g/m2 Certificazione Oeko-Tex standard 100: è ottimale per l’uso combinato con qualsiasi detergente in quanto ne veicola l’azione struccante.

Pulizia del viso con ultrasuoni

Per le più tecnologie, si trovano in commercio anche delle spatole ultrasuoni che parrebbero agire con una sorta di pulizia profonda e peeling. Ovviamente questi strumenti per uso domestico non hanno un’efficacia così performante come un vero trattamento in studio. Ciò nonostante le spatole ultrasuoni per il viso non presentano particolari rischi per la pelle. Cautela però durante l’applicazione, se si insiste su una zona in particolare del viso, in caso di pelle sensibile e con capillari fragili potrebbero generarsi dei piccoli inestetismi.

Aspiratori di impurità per il viso

Un altro device per la pulizia del viso specifico per rimuovere punti neri e impurità. Se ne trovano di ogni fattura, su molti canali social, ma quanto sono efficaci? Questi aspiratori per il viso, “aspirano” la cute generano alcuni rischi per la circolazione, in particolare vasodilatano i capillari che possono indebolirsi e diventare evidenti in superficie. Inoltre tra i rischi dell’utilizzo frequente dell’aspiratore per il viso c’è una diffusione dell’infezione, spostando infatti il manipolo su diverse zone cutanee, si possono trascinare inevitabilmente germi e batteri.

Coppette anticellulite: ci sono rischi?

Spesso decantate come il miglior trattamento per la cellulite a casa. In realtà, le coppette anticellulite presentano più rischi che benefici. Le coppette anticellulite “risucchiano” la cute e stressano i vasi capillari, favorendo la possibile comparsa di piccoli lividi. Queste coppette anticellulite non sono quindi lo strumento indicato per contrastare la ritenzione idrica perché indebolendo i capillari incentivano il ristagno dei liquidi e la concentrazione di grasso sottocutaneo.

Sedute di luce: pro e contro

Molto utili perché poco invasivi, ma efficaci sulla pelle sono i trattamenti come il Dermoneed che sfrutta l’energia della luce combinata alla tecnologia liposomiale del complesso Fospidina. In base ai risultati che si vogliono ottenere è possibile modulare il tipo di luce. Sedute con luce blu sono ideali per contrastare la proliferazione dei batteri come quelli tipici dell’acne. Mentre fasci di luce gialla, arancione e rossa stimolano il rinnovamento cellulare, offrendo un trattamento antiaging. Ovviamente è necessario affidarsi sempre a uno studio di specialisti con strumenti e attrezzature verificate e all’avanguardia.

Pettine speciale per rinforzare i capelli

Non solo device per pelle e detersione ma anche per i capelli, preziosi alleati della bellezza femminile e maschile. Sì perché la ricerca dermatologica ha colto i benefici del legno di bamboo, materiale d’elezione per i pettini più all’avanguardia. I benefici sono da ricercare non solo nella composizione chimica del materiale ma anche nella sua “dolcezza” che, durante l’utilizzo, esercita un delicato massaggio sul cuoio capelluto favorendo naturalmente l’azione del microcircolo.

Leggi l’intervista completa

Facebook Comments