Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Interviste
  4. /
  5. Cancellare i capillari con...
READING

Cancellare i capillari con la termocoagulazione

Cancellare i capillari con la termocoagulazione

Per il trattamento dei capillari sfrangiati (teleangectasie) esistono vari trattamenti, più o meno indicati in base alla dimensione e al colore dei vasi.

Dye laser pulsato

È il trattamento perfetto in caso di teleangectasie piccole, poco profonde, di colore rosso. Si utilizza anche per il viso. Una seduta costa circa 200-300 €.

Scleroterapia

Si crea un’infiammazione del capillare tramite l’iniezione nel vaso di una sostanza chimica. A volte si effettua in combinazione con il laser: si trattano con la scleroterapia i vasi più ingrossati, e poi, a distanza di 4-6 settimane, si completa il trattamento dei capillari circostanti più piccoli con il laser. Una seduta costa circa 150 €, un trattamento ne prevede 2-3.

Elettrocauterizzazione

Con un elettro-bisturi a corrente alternata si provoca la microfolgorazione del capillare. Costa circa 100 € a seduta.

Termocoagulazione

La termocoagulazione è un trattamento per eliminare i piccoli vasi capillari del volto (come la couperose) che sfrutta l’azione efficacissima e non invasiva della radiofrequenza focalizzata. Si tratta di un una terapia atta ad asportare neoformazioni cutanee con l’impiego della corrente elettrica che, circolando tra due elettrodi, produce calore per effetto Joule. Per effettuare questo trattamento si usano particolari strumenti chiamati elettrobisturi o diatemocoagulatori, i quali concentrano la corrente sulla punta di un elettrodo attivo, il quale, applicato sulla pelle, distrugge la lesione, bruciandola. È usato in molte lesioni cutanee: fibromi penduli, cheratosi attiniche, verruche volgari, condilomi, piccole lesioni angiomatose. Un altro impiego è quello della elettrodepilazione definitiva. Nel trattamento dei capillari, grazie a un surriscaldamento che fa evaporare la parte acquosa del sangue, le pareti del vaso aderiscono e si chiudono. La corrente si trasmette attraverso il contatto con la pelle, senza bucare. Costa circa 300 €.

I PRO E I CONTRO DEI VARI TRATTAMENTI
COME SCEGLIERE?
Abbiamo chiesto al professor Antonino Di Pietro, dermatologo plastico, presidente dell’lsplad (International-Italian Society of Plastic-Aesthetic and Oncologic Dermatology), un parere sulle varie tecniche.

•«IL LASER NEODIMIOYAG e il Dye laser pulsato sono i trattamenti più efficaci per eliminare i capillari, l’uno quelli più grossi e profondi, l’altro quelli più superficiali. Certo, i risultati non sempre sono definitivi, perché la pressione del sangue può riaprire il vaso, o evidenziare i capillari vicini. Spesso chi è predisposto deve ripetere il trattamento una volta all’anno.

• LA SCLEROTERAPIA presenta il rischio di una complicanza se il liquido iniettato si diffonde nei tessuti: può crearsi una piccola cicatrice dovuta a un’ustione chimica. Oggi si può evitare questo rischio grazie alla nuova scleroterapia con soluzione
ipersalina, che per osmosi richiama l’acqua, concentra il sangue e lo coagula,senza rischi per i tessuti.

• L’ELETTROCAUTERIZZAZIONE è una metodica superata, rischiosa perché può lasciare microcicatrici.

• LA RADIOFREQUENZA FOCALIZZATA è più sicura: non “buca” la pelle e il vaso, ma funziona solo su capillari piccoli e superficiali.

• UN’AVVERTENZA generale: dopo if trattamento non esporre le gambe a fonti di calore, come il riscaldamento dell’auto, per 15 giorni. L’effetto vasodilatatore può compromettere i risultati»

Facebook Comments

VEDI ANCHE: