Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Dermatologia
  4. /
  5. Pelle sensibile e ipersensibile:...
READING

Pelle sensibile e ipersensibile: come riconoscerle

Pelle sensibile e ipersensibile: come riconoscerle

Contraddistinta dalla scarsità di film idrolipidico e perciò povera di barriere naturali, la pelle sensibile tende a reagire in modo eccessivo agli effetti degli agenti esterni come caldo, fumo, polveri e inquinamento, arrossandosi e irritandosi con grande facilità.

Ma come è possibile capire se la pelle è troppo sensibile? Ecco un elenco di alcuni tra i segnali più evidenti:

  • la pelle sensibile tende ad arrossarsi al primo soffio di vento;
  • si riempie di chiazze rosse quando viene sottoposta a sbalzi di temperatura o nei momenti di stress e stanchezza;
  • appare più secca e sembra “tirare” dopo aver passato un po’ di ore all’aperto;
  • prude o si arrossa dopo aver consumato cibi piccanti o bevuto del vino;
  • si irrita facilmente lavandola con il normale sapone e non con prodotti specifici per questa tipologia di cute.

 

Non riesci comunque a capire se i sintomi di pizzicori o arrossamenti sono la prova di una ipersensibilità cutanea oppure semplici campanelli di allarme? Per saperlo puoi rivolgerti al dermatologo che ti sottopone a un test con l’acido lattico (si chiama Stinging). Oppure a casa, puoi fare una prova utilizzando uno yogurt acido naturale, come suggerisce Antonino Di Pietro dermatologo. Mettine una piccola quantità nei solchi ai lati del naso e aspetta due minuti. Se la pelle si arrossa e pizzica vuol dire che è sensibile, se avverti gli stessi sintomi già dopo un minuto è intollerante.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: