Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it

RUGHE ADDIO

Virna Lisi è bellissima con le sue rughe. E lei se le tiene. “Il volto deve raccontare gioie e dolori”, ha detto più volte l’attrice.
Molte donne e qualche uomo non la pensano come lei. Nessun giudizio: vale la regola che ognuno debba stare bene con se stesso. E ci sono persone che con i segni dell’età non vogliono convivere. Ormai ci sono tecniche di ogni tipo per rallentare l’invecchiamento, dai trattamenti dolci al bisturi. Senza dimenticare il controverso botulino, che nel 2009 compie vent’anni: nel 1989 venne per la prima volta consentito come metodo di chirurgia estetica. Le armi soft, usate dai dermatologi in ambulatorio e in genere senza anestesia, non alterano i tratti del volto: se a un certo punto si cambia idea, basta non correggere più i difetti e si tornerà all’aspetto naturale. Il rovescio della medaglia è che i risultati hanno una durata limitata e che le cure vanno ripetute. Con il bisturi, i risultati sono molto più duraturi ma certamente più invasivi: si tratta di interventi a tutti gli effetti.
Ecco tutto quello che si può fare contro l’invecchiamento cutaneo, zona per zona, con i prezzi medi e i relativi rischi da tenere presenti.

FRONTE
A 30 anni basta un peeling superficiale, dai 40 si può optare per la radiofrequenza. Leggete i rischi legati al botulino

Radiofrequenza
La radiofrequenza non ablativa è adatta solo per rughe poco profonde. Come funziona? Lo spiega Antonino Di Pietro, responsabile della dermatologia all’ospedale di Inzago e presidente dell’Isplad. “Si passa sulla zona da trattare, per qualche minuto, un apparecchio che causa vibrazioni molecolari (si avvertono come un riscaldamento del tessuto cutaneo). Così si ottiene una stimolazione dei tessuti con la formazione di fibre collagene, un effetto lifting di stiramento e compattamento della pelle”.
QUANDO: dai 40 anni in su.
DOVE: anche nell’ambulatorio del medico.
QUANTO: cinque sedute ad alternanza settimanale o bisettimanale.
ANESTESIA: no.
COSTO MEDIO A SEDUTA: dai 350 euro.
DURATA DELL’EFFETTO: circa sei mesi.
ATTENZIONE A… La pelle può arrossarsi o irritarsi in rari casi. La radiofrequenza è controindicata su cute infiammata.

OCCHI
Contro le zampe di gallina, dai 40 anni in su, si può ricorrere a una soluzione poco invasiva oppure scegliere la blefaroplastica
“Si inietta l’acido  ialuronico con un ago sottilissimo lungo le zampe di gallina”, dice Di Pietro. “Si cerca di riempire il fondo della ruga senza pomparla, nel modo più naturale possibile”.
QUANDO: dai 40 anni in su.
DOVE: anche nell’ambulatorio del medico.
QUANTO: un paio di sedute a distanza di un mese e poi una seduta di mantenimento ogni sei mesi.
ANESTESIA: no
COSTO MEDIO A SEDUTA: 600-800 euro.
DURATA DELL’EFFETTO: sei mesi circa.
ATTENZIONE A… Possono formarsi piccole ecchimosi intorno agli occhi, perché in rari casi le iniezioni provocano la rottura dei capillari.

Cosa si fa dal dermatologo
Di due tipi i trattamenti di dermatologia plastica: quelli superficiali, che servono a migliorare la compattezza della pelle e a correggere le micro rughe; quelli profondi, che agiscono sul derma, lo strato intermedio, aumentano il turgore e l’elasticità, correggono le rughe marcate. Fanno parte dei trattamenti profondi tutti quelli che utilizzano acido ialuronico, da adeguare a una zona piuttosto che  a un’altra, attraverso il cosiddetto filler (la tecnica di riempimento della ruga tramite un’iniezione con un ago sottilissimo).

TRA NASO E BOCCA
Per spianare i solchi nasolabiali ci sono le classiche punturine o una tecnica chiamata needling. Dopo i 45 anni, l’intervento più richiesto è il minilifting

Rimage
“Per i solchi nasolabiali consiglio il rimage, una terapia recente che consente di correggere i volumi del volto”, spiega Di Pietro. “Si vanno a colmare i vuoti che col passare degli anni vengono a crearsi lungo le guance, ai lati del naso, agli angoli della bocca. Lo si fa con appositi filler, iniezioni di un mix di collagene, acido ialuronico e acido polilattico (dosati dal dermatologo). Con questa cura si rimedia anche al mento che diventa sfuggente e agli zigomi che si abbassano”.
QUANDO: dai 40 anni in su.
DOVE: anche nell’ambulatorio del medico.
QUANTO: due-tre sedute in un anno, a distanza di un mese l’una dall’altra.
ANESTESIA: no.
COSTO MEDIO A SEDUTA: 600 euro.
DURATA DELL’EFFETTO: circa un anno.
ATTENZIONE A… Per evitare di creare rigonfiamenti, il dermatologo dovrà studiare il materiale adatto al tipo di pelle. Non va praticato su cute infiammata.

Suggerimenti per scegliere le creme antiaging
Le creme cosmetiche possono aiutare in ogni fascia d’età. Prima di acquistarne una, leggete i consigli del dermatologo Antonino Di Pietro.
==> Un antiaging dev’essere soprattutto un buon idratante, perché uno dei fattori di invecchiamento della pelle è proprio la perdita d’acqua.
==> La crema deve aiutare a creare una superficie cutanea compatta, in modo da gestire al meglio l’evaporazione delle molecole d’acqua che si staccano dal primo strato della pelle. Per questo possono servire sostanze come ceramidi o fosfolipidi, che hanno attività cementante, tengono cioè ben unite le cellule.
==> E’ importante anche l’idratazione degli strati più profondi dell’epidermide del volto. Per ottenerla, si usano quei principi attivi che aiutano la microcircolazione nei capillari, come le anticianine.
==> Molte creme antiaging contengono anche alcune vitamine, specie la E e la C, antiossidanti naturali che frenano gli effetti negativi dei radicali liberi dell’ossigeno, importante causa di invecchiamento cellulare.
==> Alcune formulazioni prevedono anche l’aggiunta di enzimi e singoli amminoacidi, che possono favorire il ricambio cellulare.
==> Per la scelta fatevi sempre aiutare dal dermatologo o dal farmacista del reparto cosmetico, che saprà valutare le esigenze dei diversi tipi di pelle.

Domande e risposte prima di farsi spianare il viso
Che il trattamento antirughe sia soft o hard, meglio tenere a mente questo decalogo, suggerito dal dermatologo Antonino Di Pietro.
1. Chiedere allo specialista quali sono gli effetti collaterali delle terapie e degli interventi che vengono proposti.
2. Chiedere quali sono i risultati minimi e massimi che si possono raggiungere e quanto tempo possono durare.
3. Non farsi iniettare sostanze non riassorbibili (silicone, metacrilati, plexiglas) per evitare granulomi da corpo estraneo.
4.  Non farsi iniettare veleni o tossine senza che sia conosciuta la quantità massima iniettabile e non si conoscano gli effetti collaterali a lunga distanza.
5. Ricordarsi che anche il più piccolo intervento chirurgico lascia comunque una cicatrice.
6. Fidarsi di un medico che spiega tutto con chiarezza e non propone inverosimili cambiamenti.
7. Non fidarsi del medico che sostiene di essere l’unico in grado di fare certe terapie e operazioni.
8. Fidarsi del medico che dà la più completa disponibilità a farsi rintracciare in caso di reazioni avverse.
9. Non fidarsi di medici ambulanti che operano in strutture non autorizzate come centri medici (presso estetiste, saloni di bellezza, profumerie). Bisogna affidarsi unicamente a professionisti esperti e soprattutto coscienziosi.
10. Ricordarsi che i risultati non sono standardizzabili o prevedibili con sicurezza: i migliori sono quelli naturali e non forzati. Per intendersi, a 50 anni non si può pretendere il volto di una ventenne.

LABBRA
Per eliminare il cosiddetto codice a barre e per rimpolpare la bocca si possono usare il grasso o le piastrine prelevati da altre parti del corpo

Filler di acido ialuronico
“Quando le rughe periorali sono separate tra loro e risultano profonde, si possono fare iniezioni sul bordo del labbro superiore con l’acido ialuronico”, spiega Di Pietro. “Se si inocula la sostanza all’interno delle labbra, il volume della bocca aumenta con effetto naturale”.
QUANDO: dai 40 anni in su.
DOVE: anche nell’ambulatorio medico.
QUANTO: un paio di sedute a distanza di un mese e poi una seduta di mantenimento ogni 4-6 mesi.
ANESTESIA: no.
COSTO MEDIO A SEDUTA: 600-800 euro.
DURATA DELL’EFFETTO: circa un anno.
ATTENZIONE A… Si possono creare tumefazioni che durano due-tre giorni: con il ghiaccio si riassorbono più velocemente.

TUTTO IL VOLTO
Per piccole rughe da cedimento cutaneo è indicato il trattamento con la luce, altrimenti ci sono le microiniezioni di acido ialuronico

Picotage
“Il picotage è una tecnica basata su microiniezioni superficiali indolori con l’utilizzo di acido ialuronico a circa un millimetro di profondità, dove l’attività di riproduzione delle cellule cutanee è molto alta: così viene sfruttata al massimo la capacità della sostanza di attivare i fibroblasti, le cellule che compongono il tessuto connettivo”, dice Di Pietro.
QUANDO: dai 30 anni in su.
DOVE: anche nell’ambulatorio del medico.
QUANTO: un paio di sedute a distanza di un mese e poi una ogni tre mesi.
ANESTESIA: no.
COSTO MEDIO A SEDUTA: 600-800 euro.
DURATA DELL’EFFETTO: tre mesi.
ATTENZIONE A… Le iniezioni sono molto superficiali e soltanto in rari casi, quando la pelle è molto sensibile, può rimanere lievemente arrossata per circa un’ora.

Peeling chimico
“Può essere a base di acido glicolico, acido cogico, acido salicilico ed è in grado di eliminare le cellule morte dello strato più esterno dell’epidermide” dice Di Pietro. Stimola la produzione di collagene e aumenta l’idratazione.
QUANDO: dai 30 anni in su.
DOVE: anche nell’ambulatorio del medico.
QUANTO: una seduta a settimana oppure ogni due, per quattro-sei mesi.
ANESTESIA: no.
COSTO MEDIO A SEDUTA: da 300 euro.
DURATA DELL’EFFETTO: da tre a sei mesi.
ATTENZIONE A… La sostanza impiegata dev’essere calibrata da mani esperte  sul tipo di pelle oppure c’è rischio di infiammazioni e successive iperpigmentazioni. Il peeling chimico non è indicato su cute infiammata. Possono comparire desquamazioni che scompaiono nel giro di pochi giorni.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: