Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.dermoclinico.it
READING

Prurito che non passa? Ecco le possibili cause

Prurito che non passa? Ecco le possibili cause

Rovinarti ad unghiate qualsiasi parte del corpo non si addice di certo a uno come te. Quindi, eccoti un primo consiglio: se ti gratti senza pensarci, smettila e basta. Un gentleman non si gratta, nemmeno sovrappensiero. E se è un prurito lieve, stringi i denti e resisti: magari passa. Ma se il prurito non passa, leggi qui. Potresti avere un’infezione, o essere infestato da parassiti (succede anche ai migliori, c’è poco da vergognarsi). Insomma, lo stimolo del prurito non è da sottovalutare. È il segnale che il sistema immunitario sta facendo il suo lavoro; quando è attaccato da un’infezione, da un parassita o un allergene, l’organismo produce istamina. Cioè una molecola che fa dilatare i vasi capillari, li allarga per permettere alle cellule del sistema immunitario di raggiungere più in massa la zona da bonificare, però l’afflusso di sangue stimola le terminazioni nervose e genera la sensazione di prurito. Ecco l’elenco delle più comuni e fastidiose irritazioni cutanee che potrebbero rovinarti il sonno. E i consigli per tornare subito a fare sogni d’oro.

Xerosi (pelle secca)

  • LIVELLO DI FASTIDIO: **
  • COM’E’: hai la pelle secca e squamata, soprattutto su gambe, mani e braccia. Più facile soffrirne in presenza di clima secco o freddo.
  • LE CAUSE: l’aria secca tende ad attirare l’acqua che c’è dentro di te. La pelle, così, si secca e da fastidio. È un problema soprattutto maschile, perché le donne curano spasmodicamente la pelle, mentre noi facciamo di tutto per rovinarla: lunghe docce calde, saponi aggressivi e niente crema idratante….
  • LE SOLUZIONI: usa saponi neutri, fai la doccia tiepida (se lo specchio del bagno si appanna è troppo calda) e per non più di 10 minuti. Quindi, utilizza una crema: crea una barriera protettiva che blocchi la perdita di umidità.

Tinea corporis (piede d’atleta)

  • LIVELLO DI FASTIDIO: ***
  • COM’E’: Ti ritrovi con la pelle tra le dita dei piedi che appare secca, bianca, screpolata e squamata. Avverti una forte e quindi fastidiosissima sensazione di prurito.
  • LE CAUSE: avvolti in calzini sudati e infilati in scarpe strette, i piedi diventano l’incubatrice ideale per funghi e funghetti di vario tipo. E a provocare il prurito è la relazione del tuo corpo alla presenza di questi microrganismi.
  • LE SOLUZIONI: usa un sapone disinfettante (lo vendono in farmacia) dopo la piscina o la palestra. Calza sempre le ciabatte, anche quando  fai la  doccia: il piede d’atleta pullula sulle piastrelle. Se poi te lo becchi ugualmente asciuga con cura gli spazi tra le dita dopo esserti lavato e applica una crema antimicotica.

Seborrea (forfora)

  • LIVELLO DI FASTIDIO: ***
  • COM’E’: prurito alla testa, aggravato da un’antiestetica “neve” sulla giacca blu.
  • LE CAUSE: dopo un’infezione micotica, i follicoli piliferi che hai in testa si infiammano e provocano la desquamazione del cuoio capelluto. Di solito i problemi partono dalla testa ma, se non intervieni, possono estendersi a sopracciglia, palpebre e angoli del naso.
  • LE SOLUZIONI: la forfora fiorisce sul cuoio capelluto unto, quindi lavati i capelli tutti i giorni con uno shampoo allo zinco ed evita i prodotti “tutto in uno”. E ricorda che se vuoi avere capelli puliti devi mangiare bene (prova a eliminare i formaggi per un pò…) e tagliare lo stress. Chiaro?

Tinea Cruris

  • LIVELLO DI FASTIDIO: ****
  • COM’E’: una mattina ti ritrovi con un’eruzione rossastra e in rilievo, all’inguine o sulle cosce.
  • LE CAUSE: sai il funghetto tra le dita dei piedi di cui ti abbiamo parlato prima? Ha sempre voglia di espandersi, e la biancheria intima è l’Intercity che usa per raggiungere lidi lontani.
  • LE SOLUZIONI: infilati sempre prima gli slip e poi i calzini, eviterai di dare un passaggio al fungo autostoppista. Dopo la doccia, asciugati partendo dalla testa e strofina i piedi per ultimi. Infine, asciuga bene l’inguine e cura i sintomi con una crema o polvere antimicotica.

Pruritus Ani (prurito al fondoschiena)

  • LIVELLO DI FASTIDIO: ****
  • COM’E’: prurito al fondoschiena. Sì, proprio là.
  • LE CAUSE: probabilmente hai un infezione batterica. Gli uomini, nelle zone basse, sono solitamente “alquanto” pelosi: quindi non ti è facile mantenere un’igiene ottimale, soprattutto se stai tutto il giorno fuori casa.
  • LE SOLUZIONI: lavati sempre con cura, e asciugati con la stessa cura. Quindi, completa l’opera applicando un pò di talco.

Piattole (pidocchi del pube)

  • LIVELLO DI FASTIDIO: *****
  • COM’E’: avverti un fastidioso prurito al pube e noti dei puntini scuri fra la peluria.
  • LE CAUSE: un esercito di piccoli mostriciattoli è aggrappato con le zampe posteriori ai tuoi peli pubici e ti mordicchia. Il contatto con proteine estranee (arrivano dalla bocca del pidocchio) mette in allarme il sistema immunitario, che scatena la reazione allergica per espellere i parassiti. Le piattole si trasmettono per contatto sessuale (i rischi dell’avventura…) o, meno facilmente, condividendo salviette e vestiti. Sono visibili a occhio nudo e cominciano a farsi sentire entro 12 ore dall’invasione.
  • LE SOLUZIONI: vai in farmacia e procurati un prodotto contro i pidocchi. Poi, però, devi eliminare anche le uova: per riuscirci puoi usare un pettine oppure affidarti alla depilazione. Ma non finisce qui. La reinfestazione è sempre possibile, quindi lava a 60° la biancheria, le lenzuola e stira bene il tutto, giusto per dare ai piccoli succhiasangue il colpo di grazia.

Scabbia

  • LIVELLO DI FASTIDIO: ****
  • COM’E’: ti assale un prurito terribile, che a volte si associa a macchie rosse sul tuo pene.
  • LE CAUSE: milioni di microscopici acari che scavando gallerie sotto la pelle, lasciano una pista di feci. Bello, vero? E il prurito è la tua reazione ai “souvenir” mollati. La scabbia è molto contagiosa: con il sesso te la becchi di sicuro, ma può bastare anche una stretta di mano. Quindi, occhio ai viaggi esotici: a Cuba la scabbia è endemica, e viaggia in taxi, annida nei sedili di stoffa, pronta ad assaltarti.
  • LE SOLUZIONI: corri dal dermatologo. Ti prescriverà dei farmaci che elimineranno gli acari nel giro di qualche giorno.
Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: