Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Dermatologia
  4. /
  5. Il mollusco contagioso: sintomi...
READING

Il mollusco contagioso: sintomi e cure

Il mollusco contagioso: sintomi e cure

Il mollusco contagioso è un’infezione cutanea non pericolosa che si manifesta con escrescenze di pochi millimetri biancastre, grigiastre o dello stesso colore della pelle. Le escrescenze, provocate da un virus che appartiene al gruppo dei Poxvirus, evolvono in seguito in piccole lesioni, aumentando di numero.

Mollusco contagioso: chi colpisce?

Il mollusco contagioso colpisce sia gli adulti sia i bambini. Negli adulti l’infezione si presenta quasi interamente nella zona genitale, comparendo nel caso degli uomini sul pene o sui testicoli, mentre nella donna sulla parte esterna della vagina, ma anche nella zona del pube e sulle cosce. Nei bambini, invece, i molluschi appaiono solitamente sul viso, sugli arti, sul tronco e con minore frequenza sull’area genitale.

Come avviene il contagio

Negli adulti la principale via di contagio è attraverso i rapporti sessuali, tanto che l’infezione viene catalogata anche tra i virus sessualmente trasmissibili. Nei bambini la prima fonte di contagio è il contatto diretto con altri piccoli che ne sono affetti, ad esempio, durante il gioco. I molluschi possono essere anche contratti per via indiretta, ad esempio con la condivisione di attrezzatura ginnica, asciugamani o accappatoi.

Come riconoscere il mollusco contagioso

Come riconoscere il mollusco contagioso: una foto di riferimentoL’immagine raffigura come si manifesta il mollusco contagioso. Quando questo virus vien contratto, si formano sulla pelle delle papule in rilievo e concave che possono variare colore dal bianco, al rosa. In molti casi il colore rispetta quello del tessuto cutaneo circostante e quindi è difficile riconoscerle. Se non vengono curate in breve tempo, le papule possono gonfiarsi o ingrandirsi generando prurito e rossore. Queste bollicine possono presentarsi in qualsiasi parte del corpo.

Se i soggetti colpiti dal mollusco contagioso sono bambini,  è difficile aiutarli a resistere alla sensazione di prurito, ma è fondamentale aiutarli. Se le papule vengono grattate con forza, possono infatti generare cicatrici. È importante cercare di non grattarsi spesso per evitare segni permanenti e che il virus si sposti in altre zone del corpo.

Il mollusco contagioso in gravidanza

Quando questo virus colpisce una donna in gravidanza, può crescere la preoccupazione di trasferire il mollusco contagioso anche al bambino. In realtà il mollusco è una patologia che si limita al tessuto cutaneo. Il virus non contagia l’organismo e di conseguenza la salute del feto è intatta. Cioè che potrebbe interferire con il benessere del neonato è la cura per il mollusco contagioso, soprattutto se si tratta di cicli farmacologi. In questo caso è bene sospendere la terapia per il mollusco contagioso o consultare il proprio medico sugli effetti collaterali che potrebbe avere l’assunzione di farmaci specifici per questo virus. Una particolare attenzione sarà da riservare durante il parto. Il mollusco contagioso colpisce infatti anche le zone genitali. In rari casi, può capitare che durante il parto naturale questo si trasmetta da madre a figlio. Nell’ipotesi di un contagio, si può sottoporre anche il bambino a una cura per mollusco contagioso, senza riportare controindicazioni.

L’omeopatia: una soluzione al mollusco contagioso

La maggior parte dei rimedi naturali per attenuare il mollusco contagioso deriva da impacchi effettuati con oli essenziali ed estratti vegetali. L’aceto di mele è una soluzione efficace contro il mollusco contagioso. Basta effettuare degli impacchi con un batuffolo di cotone e poi fasciare la parte “disinfettata”. Questo trattamento viene utilizzato soprattutto per i bambini. Anche il tea tree oil fa parte dei rimedi naturali per il mollusco contagioso, grazie alle sue proprietà antibatteriche e antisettiche. Esiste anche il mirto australiano al limone, un rimedio che arriva dall’omeopatia di ultima generazione e utile per attenuare le papule del mollusco contagioso.

Come curare il mollusco contagioso

I sintomi del mollusco contagioso posso risolversi autonomamente, senza il bisogno di terapie con farmaci o trattamenti dal dermatologo. Nel caso in cui il virus sia più resistente allora possono esserci delle alternative. Non esistono attualmente farmaci specifici per la cura del mollusco contagioso. Si possono utilizzare alcuni dispositivi medici che vengono applicati anche in caso di verruche come acido retinoico, acido salicilico, cloridato di potassio, farmaci antivirali o immunosoppressori. Se le papule sono numerose si può però intervenire, asportandole con il laser o la diatermocoagulazione o crioterapia.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: