Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Vivere Meglio
  4. /
  5. Rimedi Naturali
  6. /
  7. Phon e acqua &...
READING

Phon e acqua & gli altri pericoli del bagno

Phon e acqua & gli altri pericoli del bagno

Luogo di benessere e relax, il bagno nasconde anche qualche insidia, a causa della presenza di acqua ed elettricità. Per questo, dopo la cucina, è l’ambiente più a rischio della casa. Inoltre a volte lo spazio è poco e non si possono fare movimenti liberi o comodi ed è alta la possibilità di cadute e distorsioni. Ecco allora un piccolo prontuario per imparare a difendersi dai piccoli e grandi infortuni in bagno.

Corrente elettrica: mai a contatto con l’acqua

In bagno il pericolo principale deriva dal fatto che, in diverse circostanze, ci si trova a usare apparecchi elettrici in un ambiente dove c’è spesso anche la presenza dell’acqua. Il rischio maggiore riguarda la folgorazione, cioè l’essere attraversati dalla corrente elettrica, che percorre tutto il corpo per poi scaricarsi al suolo e che può provocare un’intensa stimolazione dei muscoli. Come conseguenza, si ha la comparsa di spasmi talmente forti da rendere a volte impossibile staccarsi dall’apparecchio o dalla presa che ha provocato la scossa. Nei casi più seri, una scossa sotto la doccia può portare all’arresto cardiaco e respiratorio, mentre più spesso di ha uno shock con perdita di coscienza. Ecco perché si dice sempre che usare un phon vicino all’acqua sia pericoloso.

Il primo soccorso in caso di folgorazione è importantissimo. Si deve allontanare immediatamente la persona dalla sorgente elettrica (cavo o presa), ma senza toccarla direttamente. Il sistema migliore è chiudere l’interruttore generale, ma è anche possibile tagliare il filo (solo con pinze isolanti) o allontanare la persona usando il manico di legno di una scopa. Se l’infortunato non si riprende subito, è indispensabile chiedere l’intervento immediato dei soccorsi chiamando il 118.

Si possono asciugare i capelli con i piedi bagnati?

Asciugacapelli, rasoio, epilatore sono tra gli apparecchi elettrici che si usano di consueto in bagno. Non sempre vengono maneggiati in completa sicurezza: per prevenire gli incidenti, è fondamentale seguire alcune semplici regole:

  1. Non accendere l’apparecchio elettrico quando si hanno i piedi o le mani bagnati, perché l’acqua è un ottimo conduttore di elettricità, che favorisce la folgorazione. Per questo motivo, bisogna sempre avere le mani asciutte e le ciabatte ai piedi quando si usa il phon.
  2. Non appoggiare l’apparecchio sul bordo del lavandino o della vasca pieni di acqua se la spina è nella presa della corrente. Dopo l’uso spegnere sempre l’interruttore e staccare la presa.
  3. Per togliere la spina dalla presa di corrente, non tirare mai il filo, ma prendere bene in mano la spina, altrimenti il cavo si può usurare. Inoltre non avvolgerlo intorno all’apparecchio quando è ancora caldo, altrimenti il rivestimento rischia di usurarsi, lasciando scoperte parti in tensione. Se il cavo è rovinato, rivolgersi a un centro di assistenza autorizzato per farlo sostituire.
  4. Controllare che gli apparecchi abbiano il marchio Imq-Cei, cioè siano stati costruiti in base alle norme di legge e con sistemi di sicurezza, come il dispositivo che assicura lo spegnimento in caso di contatto con l’acqua.
  5. Infine, una buona regola è quella di evitare di chiudersi a chiave in bagno. Sarebbe bene dotare la porta di una serratura apribile anche dall’esterno, per poter soccorrere eventualmente la persona colta da malore.

Come evitare le cadute in bagno?

Una delle cause più importanti di incidenti domestici in bagno sono le cadute, soprattutto per le persone anziane. Se poi lo spazio è piccolo si rischia di sbattere la testa contro la superficie dura o spigolosa mentre si cade. Si può scivolare mentre si esce dalla vasca da bagno, a causa dei residui di bagnoschiuma. Per evitare incidenti, è dunque utile avere maniglie di appoggio all’altezza delle braccia e un sedile per sedersi. È possibile anche applicare delle strisce antiscivolo adesive sul fondo della vasca oppure utilizzare tappetini di gomma, che fanno presa sul fondo grazie alle ventose. Per essere ancora più sicuri, si può applicare una maniglia sul muro a lato della vasca, a un’altezza di circa 80-100 centimetri, in modo da potersi attaccare quando si esce dall’acqua. Per non scivolare mentre si fa la doccia, posare una pedana in legno nel piatto doccia, creando così una base più stabile.

Cadute in bagno: occhio alla condensa

Un altro pericolo in bagno è rappresentato dall’umidità, che rende particolarmente scivolose le superfici sui cui si deposita. Infatti, quando si utilizza l’acqua calda per fare il bagno nella vasca o sotto la doccia, il vapore acqueo si condensa su specchi, finestre, pavimento e muri, a causa della differenza di temperatura tra l’aria calda e umida e le superfici più fredde. La condensa è visibile sotto forma di appannamento sui vetri delle finestre e sullo specchio, ma bisogna ricordare che forma anche una patina scivolosa sui pavimenti in ceramica o in cotto: per evitarne la formazione, basta lasciare aperto uno spiraglio della porta del bagno o della finestra. È utile anche posizionare un tappetino di fianco alla vasca o alla doccia per non appoggiare i piedi sul pavimento reso scivoloso dall’umidità.

 

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis