Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.dermoclinico.it
READING

Abbiamo una nuvola di batteri personale

Abbiamo una nuvola di batteri personale

batteri personaliCiascuno di noi è circondato da una nuvola di microrganismi personale. Questa nuvola  viene emessa dal corpo nell’aria circostante e lascia una traccia unica, proprio come le impronte digitali, permettendo di indentificare con precisione l’individuo a cui appartiene.

A rivelarlo è uno studio condotto nell’università dell’Oregon e pubblicato sulla rivista PeerJ, che consentirà di definire con maggiore precisione i meccanismi con cui avviene il contagio delle malattie.

Ogni persona convive con miliardi di batteri, funghi e virus, disseminandone intorno a sé oltre un milione all’ora. Gli autori dello studio si sono resi conto che l’uomo non si limita a cospargerli solo sugli altri o su ciò che tocca, ma ne lascia anche una moltitudine nell’aria degli ambienti in cui soggiorna. E non finisce qui: le combinazioni dei vari gruppi di microrganismi rappresentano l’elemento chiave che contraddistingue ogni individuo.

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno analizzato i batteri emessi nell’aria di una camera sterile da undici volontari. Gli studiosi hanno così potuto osservare che le persone sedute da sole, potevano essere identificate nell’arco di quattro ore, attraverso la particolare combinazione di microrganismi presenti nell’aria circostante.

Come evidenziato dagli esperti, i risultati dello studio potrebbero non solo favorire una comprensione più approfondita dei meccanismi che sono alla base della diffusione delle infezioni, ma essere anche un valido supporto nelle indagini della polizia, per capire se una persona è stata o meno in un determinato luogo.

Saranno comunque necessari ulteriori approfondimenti prima di poter impiegare questa scoperta in ambito forense. La camera sterile è infatti un ambiente diverso da quelli in cui viviamo, in cui si confondono le nuvole batteriche di vari individui. A differenza delle impronte digitali, inoltre, la nuvola di microrganismi può mutare nel tempo.

Restiamo comunque in attesa dei futuri sviluppi di questa interessante scoperta.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: