Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito dermoclinico.com
  1. Home
  2. /
  3. Inestetismi e Rimedi
  4. /
  5. Rassodare i tessuti

Rassodare i tessuti

DERMOLIFTING
Cos’è & a cosa serve Trattamento iniettivo che stimola la produzione di collagene ed elastina, le sostanze che danno sostegno alla pelle.
Come Le sostanze utilizzate (frazioni proteiche derivanti da acidi ribonucleici, enzimi, aminoacidi e mucopolisaccaridi) sono iniettate con aghi sottilissimi a 2 mm di profondità, in punti precisi che corrispondono alle zone di distribuzione dei grossi vasi sanguigni e linfatici: i lati del naso, sotto il labbro, davanti all’orecchio, sotto il mento e al centro del volto. Così facendo si stimola il trofismo della pelle, aumentando l’elasticità e la vitalità del tessuto.
Quando Ogni seduta dura 20 minuti e viene eseguita 1 volta alla settimana per 4-5 volte a distanza di 15 giorni. Ogni 3 mesi occorre 1 seduta di mantenimento.

RADIOFREQUENZA
Cos’è & a cosa serve  E’ un trattamento eseguito con un apparecchio medicale che  produce un’emissione di radiofrequenza, in grado di rassodare in senso pluridirezionale i tessuti di viso e corpo, riducendo rughe e lassità. A differenza dei laser tradizionali, che danno un ringiovanimento cutaneo di tipo ablativo agendo sull’epidermide, la radiofrequenza agisce in maniera non ablativa (ossia lasciando intatta la superficie cutanea), modificando le strutture di sostegno nel derma profondo. 
Come Durante il trattamento si passa il manipolo dell’apparecchio sulle zone prescelte: l’energia elettromagnetica emessa provoca nell’immediato un calore sufficiente a contrarre le fibre di collagene e stimolare i fibroblasti a produrre nuove fibre elastiche nei successivi 4-6 mesi, in cui si rafforza l’“effetto tightening” (tensore) e aumenta la densità dermica.
Quando Poche sedute, in base all’inestetismo e all’estensione della zona da trattare, che richiedono dai 15 minuti a un’ora. i trattamenti si ripetono a una distanza di 1-2 settimane l’uno dall’altro.

Facebook Comments