Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Pelle maschile: come curarla

Pelle maschile: come curarla

pelle maschileCresce in farmacia la domanda di prodotti che garantiscano anche al pubblico maschile una pelle curata e sana. Come arricchire le competenze sulle esigenze specifiche di questo target

Perché organizzare nel reparto dermocosmetico della farmacia una sezione dedicata ai prodotti per uomo? I motivi possono essere diversi ma è indubbio che anche il pubblico maschile stia allargando la sua richiesta di cura della pelle, che non è più relegata, come un tempo, al momento della rasatura ma, sempre più, esprime esigenze specifiche. Seppure il totale del segmento, nella sua globalità, con un valore 2016 di 10,8 milioni di euro sia in leggera flessione flessione -0,9 per cento, dati Cosmetica Italia – all’interno delle varie voci le creme per il trattamento (che valevano, l’anno scorso, 3,5 milioni di euro) hanno mostrato una crescita dello 0,6 per cento. Un dato che mostra chiaramente quanto, anche gli uomini, tengano alla cura e alla bellezza della propria pelle. Un’epidermide dalle caratteristiche ben definite come spiega Antonino Di Pietro, dermatologo a Milano, direttore dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano.

“La pelle maschile, rispetto a quella femminile, è più spessa, più robusta e con bulbi piliferi maggiormente sviluppati. A causa degli ormoni androgeni, inoltre, le ghiandole sebacee sono più stimolate e, per questo, la pelle degli uomini tende a essere più grassa o a produrre una quantità maggiore di cellule morte. Per questo motivo sviluppa con maggiore frequenza alcuni disturbi come la dermatite seborroica, una malattia infiammatoria che si manifesta nelle aree ricche di ghiandole sebacee, con sintomi come arrossamento, desquamazione e prurito”. Secondo l’esperto, quindi, le principali esigenze di bellezza e salute della cute degli uomini sono legate a problemi quali la secchezza, il rilassamento dell’area sotto il mento, la comparsa di rughe orizzontali e macchie brune, l’invecchiamento precoce della pelle della fronte. Inoltre, la quotidiana attività di rasatura, di fondamentale importanza per eliminare le cellule morte, deve essere effettuata con particolare attenzione, specie nel tempo, per mantenere un’epidermide sana, giovane e luminosa.

Rasatura, barba e baffi

Partiamo proprio dall’azione che molti uomini esercitano ogni mattina, per capire quali siano le esigenze di tipo dermocosmetico espresse dal pubblico maschile. “Per soddisfare le esigenze di benessere cutaneo connesse alla rasatura”, afferma Di Pietro, “è innanzitutto importante scegliere schiume da barba e mousse che siano dense. Infatti, più i prodotti sono corposi, più sono in grado di trattenere l’acqua, rendendo il pelo più morbido. In questo modo, si favorisce il passaggio del rasoio, diminuendo la possibilità di comparsa di fastidiosi fenomeni irritativi. A fine rasatura, invece, dopo aver risciacquato il viso con cura, è utile applicare prodotti ricchi di principi attivi capaci di ripristinare il corretto tasso di idratazione della pelle, favorendo la produzione di collagene ed elastina, sostanze fondamentali per la salute e la compattezza cutanee. Tra le formulazioni migliori ci sono quelle a base di acido ialuronico, fosfolipidi e glucosamina”.


Dermatite seborroica: quali cure?


Tuttavia, la moda e una certa tendenza a promuovere l’immagine dell’uomo dalla barba incolta (o finto trasandato) e con la barba hipster che ha determinato il successo delle moderne barberie, ha creato una crescente domanda di prodotti che potessero prendersi cura della cute del viso e i suoi annessi piliferi. “Le parole d’ordine nella cura quotidiana dell’epidermide sono protezione, nutrimento e rigenerazione. Da un lato occorre proteggere la cute da tutti quegli agenti che possono danneggiarne la salute (raggi Uv. freddo, smog, polveri sottili) e, dall’altro, aiutarla a vivere, mettendola in condizione di produrre più collagene ed elastina e di garantire l’idratazione in profondità. Ouesti obiettivi si possono raggiungere attraverso l’applicazione quotidiana di prodotti specifici. Ottimi sono, per esempio, le creme e i sieri a base di fospidina, complesso che unisce le proprietà di fostolipidi estratti dalla soia e di glucosamina ottenuta da gusci di crostacei, prevenendo problematiche tipiche della pelle maschile, come le macchie, la secchezza caratteristica del collo, il rilassamento dell’area sotto il mento e le rughe orizzontali. Per chi ha baffi e barba, il consiglio è di lavarli con cura tutti i giorni, con l’uso di saponi neutri, che mantengano intatto il pH naturale. Nei peli lunghi, infatti, si accumulano impurità che pognono dar luogo a irritazioni e dermatiti”

Gli inestetismi del viso

Rughe, zampe di gallina, rilassamento cutaneo, borse e occhiaie non sono più problemi che riguardano solo le donne. Sempre più soggetti maschili sono alle prese, tutti i giorni, con un viso che può risultare, stanco, affaticato e meno giovane. Anche in questi casi è bene consigliare prodotti dermosmetici con attivi specifici, come suggerisce Di Pietro: “Per frenare l’invecchiamento e il rilassamento cutaneo di viso e collo, oltre alla fospidina, come principi attivi risultano utili le ceramidi, il delta lettone e le classiche vitamine A, C ed E. Il contorno occhi, che è una zona molto sensibile al ristagno di sangue e di liquidi interstiziali, va trattato con principi attivi capaci di rinforzare le pareti dei vasi sanguigni, limitando il ristagno liquido e riducendo la permeabilità capillare. Le creme e i sieri ottimizzati per l’area periorbitale sono di solito arricchiti con sostanze quali la centella asiatica, il rusco, l’ippocastano e altri principi in grado di stimolare il microcircolo, contrastando cosi la formazione di antiestetiche borse e occhiaie. Risultati efficaci per il contorno occhi sono garantiti anche da gel rigeneranti con glucosamina o con fospidina, che restituiscono una maggiore elasticità capillare”.

Pelle mista o con problematiche

Non è sempre facile indirizzare il cliente della farmacia verso i prodotti più adatti alla cura e alla salute della pelle del viso, anche perché possono esserci varianti che condizionano l’utilizzo di una referenza al posto di un’altra. Spesso la definizione che gli uomini danno della loro cute è “mista”. Quale può essere quindi la risposta migliore? “In realtà, non esiste un trattamento cosmetico standard per le pelli miste. Il problema deve essere valutato con attenzione a seconda del caso specifico, per poi agire di conseguenza. I cosmetici vanno consigliati in base alla condizione dominante, ovvero a seconda se la pelle mista è evidentemente più grassa o se, invece, risulta più secca. Generalmente, una cute mista non va ipernutrita, va pulita con formulazioni delicate e non va aggredita con lavaggi frequenti: il rischio, infatti, è di favorire un incremento della produzione di sebo”, risponde Di Pietro. Diverso è il caso di chi richiede dermocosmetici per epidermidi problematiche come quelle particolarmente sensibili, quelle impure o couperosiche.


Uomini allo specchio: la bellezza al maschile


“Per la sua stessa conformazione, una delle problematiche più diffuse per la pelle maschile è la dermatite seborroica“, puntualizza Di Pietro. «In questi casi, risulta utile applicare composti a base di alukina, una sostanza polifunzionale che unisce le proprietà di allume di rocca, vitamina A e acido 18 beta glicirretico. garantendo un’azione lenitiva, antibatterica, depurativa e antinfiammatoria, oltre a una rigenerazione cutanea. In presenza di couperose, invece, è fondamentale che i prodotti non contengano alcol. Tra le sostanze più efficaci per contrastare il disturbo ci sono ingredienti come germe di grano, emollienti, restitutivi e nutrienti; l’ippocastano, che aumenta la resistenza capillare e stimola la circolazione; la calendula, lenitiva e decongestionante; glicirretico, capace di restringere i capillari sanguigni dilatati e i derivati del rusco, vasocostrittori e vasoprotettori»

Trattamenti a tutte le età

Sono numerosi, dunque. i prodotti viso dermocosmetici che gli uomini possono utilizzare per garantire un aspetto curato e sano alla propria pelle, con trattamenti diversificati e studiati in base alle modificazioni dell’epidermide nel tempo. “Per far sì che, nel corso degli anni, la pelle maschile resti sana e bella, in linea generale è necessario usare creme e sieri più leggeri rispetto a quelli adatti alle donne, ovvero prodotti che si assorbano rapidamente e che non appesantiscano la cute”, sottolinea Di Pietro. “Per migliorare l’ossigenazione e rinvigorire la vitalità delle cellule, va spiegato che la pelle del viso va lavata due volte al giorno, di mattina e di sera, usando acqua tiepida ed evitando detergenti aggressivi (il classico sapone solido), che possono eliminare le protezioni naturali della cute, rendendola così più soggetta a irritazioni e più esposta all’azione di agenti esterni come solo, vento, freddo e sbalzi di temperatura. Anche per gli uomini può essere utile fare delle maschere per contrastare i vari problemi della cute. In presenza di pelle grassa e con punti neri, per esempio, può essere d’aiuto utilizzare una maschera di argilla una volta alla settimana. Se il problema è rappresentato dalle rughe. si può suggerire l’applicazione di maschere dennocosmetiche con preparati ricchi di sostanze idratanti come la vitamina C, che aiuta il metabolismo delle cellule, o l’acido ialuronico. In caso di irritazioni dovute alla rasatura, si possono invece consigliare maschere a base di principi calmanti come il magnesio e la camomilla”. Per chi deve consigliare gli uomini e chi compra il prodotto in farmacia per la salute della pelle maschile un’ultima raccomandazione: “Va ricordato che, nonostante la pelle maschile invecchi più lentamente rispetto a quella femminile, le rughe negli uomini tendono a essere più profonde. È perciò importante suggerire loro l’applicazione costante di prodotti antirughe tonificanti e profondamente idratanti. Per la bellezza della pelle maschile, perciò, sono di grande supporto sostanze che frenano l’evaporazione dell’acqua e migliorano l’idratazione, come delta lettone, acido ialuronico, glucosamina, fosfolipidi e fospidina”.

di Elisa Da Vinci

Facebook Comments

VEDI ANCHE: