Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Naso rosso: cause, rimedi e prevenzione

Naso rosso: cause, rimedi e prevenzione

Naso rosso: i migliori consigli del Dermatologo Antonino Di Pietro dell'Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano
“Naso rosso: non si tratta di un disturbo rischioso per la salute della pelle ma può essere difficile da tollerare da un punto di vista estetico e psicologico. Per questo prima di entrare in un luogo chiuso suggerisco di riscaldare il naso.”

“L’alimentazione è importante: consiglio di frutti di bosco, come mirtilli e more, e agrumi. Sono invece da evitare i cibi piccanti, speziati e gli alcolici”.

“Il brusco passaggio, tipico della stagione invernale, dal freddo a un ambiente molto riscaldato può accentuare un disturbo fastidioso che spesso mette molto a disagio le persone: il naso rosso. Il sintomo può essere peggiorato da una malattia stagionale come il raffreddore, quando il naso, a forza di soffiarlo diventa addirittura paonazzo, ma può comparire anche nei mesi caldi, come d’estate”.

Sono le parole del professor Antonino Di Pietro, dermatologo a Milano, presidente fondatore dell’Isplad, la Società internazionale di dermatologia plastica, rigenerativa e oncologica, e direttore dell’Isituto Dermoclinico Vita Cutis.

Perché il naso improvvisamente può diventare rosso?
Le cause possono essere svariate. Può essere la conseguenza di un raffreddore ma anche di una reazione allergica, del consumo eccessivo di alcol o dell’esposizione prolungata a temperature molto fredde. Può essere provocato dallo sbalzo di temperatura tra il freddo e il caldo, e quindi per una vasodilatazione dei vasi sanguigni, oppure da due malattie della pelle che sono chiamate rosacea e couperose.


Rimedi per la Couperose


Che cos’è la rosacea?
È un disturbo infiammatorio cronico della pelle che colpisce soprattutto alcune zone del viso e, per certi aspetti, assomiglia all’acne. Essa è dovuta a un’alterata stimolazione delle ghiandole sebacee a livello del naso, delle guance, del mento e della parte centrale della fronte, dove queste ghiandole sono molto più concentrate.

Da che cosa è scatenata la rosacea?
Le cause possono essere tante: le più significative e frequenti sono la predisposizione familiare, i disturbi della circolazione del sangue, le infezioni, lo stress, l’ansia e l’esposizione al sole.

Che cos’è invece la couperose?
La couperose e un’evoluazione della rosacea ed è caratterizzata da un eritema facciale permamente con la presenza di piccoli vasi sanguigni che interessano soprattutto la zona delle guance e quella del naso.

La couperose peggiora con il freddo dei mesi invernali?
Sì, peggiora certamente ma anche in questo caso non tanto per il freddo e il vento quanto per gli improvvisi e frequenti sbalzi di temperatura ai quali è sottoposto il viso, e di conseguenza, il naso quando dal fredd esterno si passa ad ambienti surriscaldati. In questo caso le pareti dei capillari si restringono e si dilatano in modo rapido e improvisso, dando luogo a “vampate” che si associano a senso di calore, facendo dilatare i capillari.

Che cosa consiglia a un paziente che soffre di un disturbo così fastidioso come il naso rosso per alleviare il sintomo?
Per tamponare la situazione consiglio di usare ogni giorno creme idratanti senza alcolo e arricchiete con estratto di ippocastano, frutti di bosco e camomilla, oppure creme al mirtillo o all’hamamelis, che rinforzano le pareti dei vasi capillati, massaggiandole sul naso per stimolare la mmicrocircolazione. Di sera, invece, consiglio di massaggiare la zona arrossata con olio essenziale di rosa o di fiori d’arancio.

Esiste una terapia definitiva per non avere più il naso rosso?
Dipenda dalla causa che lo provoca. Se si tratta della conseguenza di raffreddore, allergia o consumo di alcol, basta eliminare la causa. Invece quando è dovuto a rosacea e a couperose è difficile debellarlo definitivamente. Consiglio di applicare sulla pelle un paio di volte al giorno creme o gela base di metronidazolo o ivermectina, associati a integratori con biotina da prendere per bocca. Nei casi più seri suggerisco di curare il naso rosso con il laser o la luce pulsata. Grazie al calore emesso da questi particolari strumenti, sono cauterizzati i piccoli vasi e i capillari dilatati del naso, e l’inestetismo può migliorare molto.

Il naso rosso a lungo andare può diventare un pericolo per il benessere della pelle?
No, non si tratta di un disturbo rischioso per la salute della pelle ma può esere difficile da tollerare da un punto di vista estetico e psicologico. Se però il sintomo non è curato, può peggiorare con il trascorrere del tempo e si può trasformare in quella che noi medici chiamiamo “eritrosi” cioè un disturbo caratterizzato da eritema e da bruciore.

Che cosa consiglia di fare per evitare di avere il naso rosso?
Quando il sintomo non è dovuto al raffreddore o a una particolare allergia, in questi mesi raccomando di prestare molta attenzione al passaggio tra il freddo esterno e il caldo degli ambienti interni. Per questo motivo prima di entrare in un luogo suggerisco di riscalare il naso appoggiandovi sopra per qualche secondo le mani, che sono in genere più calde perché protette dai guanti o perché sono tenute in tasca.

L’alimentazione può aiutare a prevenire il naso rosso o a ridurne il sintomo?
Un aiuto importante arriva proprio da quello che si mangia. Per questo consiglio di assumere in particolare gli alimenti che contengono antocianosidi, sostanze che svolgono un’azione protettiva delle pareti dei vasi sanguigni superficiali, rendendole di conseguenza più elastiche e più forti. Queste sostanze sono contenute specialmente nei frutti di bosco, come i miritlli e le more. Inoltre consiglio di aumentare il consumo di agrumi e di frutta perché sono ricchi di sostanze chiamate bioflavonoidi e anche di vimtamina C che hanno proprietà elasticizzanti e vasoprotettrici.

Quali sono, invece, i cibi che consiglia di evitare per non peggiorare i sintomi del naso rosso?
Tutti gli alimenti che provocano la dilatazione dei capillari venosi, in particolare gli alimenti piccanti, quelli troppo caldi o speziati, l’alcol e le bevande calde che possono scatenare o peggiorare il rossore.

Di Roberta Pasero

Naso rosso: consulto online del migliore dermatologo a Milano all'Istituto Dermoclinico Vita Cutis Plinio

Facebook Comments

VEDI ANCHE: