Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Dermatite seborroica: i trattamenti per l’au...

Dermatite seborroica: i trattamenti per l’autunno

Il professore e direttore dell’Isplad Antonino Di Pietro risponde ai dubbi di un caro lettore di DiPiù su come limitare gli effetti della dermatite seborroica durante l’autunno. Il cambio di stagione, le variazioni atmosferiche e gli sbalzi di temperatura possono infatti incentivare i fastidi connessi alla dermatite seborroica, soprattutto per quanto riguarda il cuoio capelluto. Ecco allora alcune precauzioni e rimedi da mettere in atto per tenere sotto controllo questo inestetismo cutaneo.

Quali sono le cause e i sintomi della dermatite seborroica?

dematite seborroica in autunno come migliorare i sintomiLa dermatite seborroica ha cause ancora poco certe. Probabilmente questa infiammazione cutanea cronica deriva da una reazione eccessiva del sistema immunitario a un particolare fungo (Pityrosporum ovalemalassezia) che costituisce naturalmente il sebo dell’epidermide. I sintomi della dermatite seborroica possono essere più visibili durante particolari momenti di stress, cambiamenti ormonali o se si stanno eseguendo particolari terapie farmacologiche. Questo disturbo cutaneo non è contagioso e nella maggior parte dei soggetti affetti non presenta sintomi invasivi, causando un disagio più che altro estetico, perché si concentra in parti visibili del corpo come cuoio capelluto e volto. Un’eventuale complicazione della dermatite seborroica è poi rappresentata dalle infezioni della pelle. Queste si verificano quando, a causa del prurito, il paziente si gratta e può provocare lesioni sula cute già infiammata, in cui si annidano germi.

Perché in autunno la dermatite seborroica tende a peggiorare?

La dermatite seborroica di cuoio capelluto e volto tende a migliorare nei mesi più caldi grazie ai benefici della luce solare e del mare. Con il cambio di stagione e i primi freddi, la pelle risulta invece in difficoltà e fatica ad adeguarsi ai repentini sbalzi di temperatura. Questo causa uno stress cutaneo che sviluppa dermatite seborroica soprattutto tra i capelli. Inoltre, lo spostamento tra ambienti esterni-interni riscaldati artificialmente e, in città, l’elevata concentrazione di smog favoriscono la disidratazione cutanea e quindi uno sviluppo di sintomi più evidenti della dermatite seborroica. Con l’arrivo dell’inverno invece bisogna prestare attenzione agli indumenti in lana, in quanto possono irritare la cute sensibile e reattiva.

Gli shampoo e i detergenti da utilizzare se si soffre di dermatite seborroica

Per attenuare i sintomi della dermatite seborroica del cuoio capelluto esistono shampoo specifici dall’azione calmante e riequilibrante. In farmacia è possibile ritrovare i prodotti più adatti ed efficaci nell’attenuazione di questo disturbo cutaneo. Ottima l’applicazione di shampoo con Alukina, un composto attivato da vitamina A ed estratti vegetali di allume di potassio e acido glicirretico che contribuisce a riequilibrare la dermatite seborroica di capelli e cute, aiutando a calmare la sovrapproduzione di sebo. In alternativa si può ricercare una crema per dermatite seborroica con proteine del grano, acido salicilico, camomilla o zolfo.Prima di cominciare qualsiasi tipo di terapia è però sempre bene consultare il parere di un dermatologo.

Prevenire la dermatite seborroica con l’alimentazione

Con l’arrivo dell’autunno, la voglia di cibi più elaborati aumenta e ci si concede qualche piccolo sgarro in più. Attenzione, però, se si soffre di dermatite su cuoio capelluto ed epidermide: i cibi troppo grassi, fritti o speziati possono rallentare la guarigione di questa patologia cutanea. È sempre consigliato preferire una dieta ricca di frutta e verdura fresche di stagione e alimenti ricchi di biotina, omega 3 e vitamine come uova, legumi e pesce. In combinazione possono essere utili integratori alimentari con fosfolipidi, glucosamina e biotina (utile anche per combattere i sintomi dell’alopecia areata) che aiutano a mantenere l’equilibrio della barriera idrolipidica e il corretto trofismo cutaneo.

 

Leggi la risposta completa del prof. Antonino di Pietro su Di Più .

Facebook Comments

Dermatologo Plastico a Milano - Fondatore e Direttore Istituto Dermoclinico Vita Cutis

VEDI ANCHE: