Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Dormire con il riscaldamento alto fa male alla pel...

Dormire con il riscaldamento alto fa male alla pelle?

L’inverno porta con sé gli odiati sbalzi di temperatura. Se fuori il termometro registra temperature sotto zero, all’interno di uffici e case si possono trovare microclimi tropicali. Un cambio di temperatura così sproporzionato si riflette sulla salute e si traduce in alcuni sintomi come mal di testa, sbalzi di temperatura corporea, pelle secca e affaticamento. Esistono dei limiti in cui mantenere i gradi del riscaldamento per tutelare il benessere psicofisico dell’organismo e alcuni accorgimenti che si possono seguire per mantenere una casa calda senza compromettere il benessere di casa e famiglia. Scopriamoli insieme.

È più sano il termosifone o il condizionatore?

Le forme di riscaldamento più diffuse sono termosifone e condizionatore. L’impianto di riscaldamento con termosifone è più diffuso anche se ha un tempo di risposta più lungo, ovvero impiega più tempo per riscaldare l’ambiente, mentre il condizionatore ha una risposta più rapida e scalda l’ambiente in maniera quasi immediata. Lo svantaggio del riscaldamento con condizionatore è la manutenzione. I filtri d’aria devono sempre essere correttamente puliti e controllati per evitare che raccolgano batteri, funghi e polveri e li diffondano negli ambienti. Questo può causare aria viziata e aumento di allergie con difficoltà respiratorie soprattutto nei bambini.

Qualità del sonno e salute della pelle

Gli sbalzi di temperatura caldo-freddo tipici della stagione invernale possono avere degli effetti negativi anche sulla qualità del sonno. Ci si sente più stanchi, ma allo stesso tempo non si riesce a dormire tanto e bene. Per garantire una migliore qualità del sonno e prevenire la pelle secca da riscaldamento bisogna osservare alcune buone abitudini:

  1. Arieggiare la stanza, almeno per mezzora la mattina: il ricambio d’aria è fondamentale per sanificare l’ambiente e per ripristinare l’ossigeno;
  2. Verificare i livelli di umidità della stanza: un ambiente troppo umido o troppo secco può minare la bellezza e il benessere di pelle e capelli. Il livello di umidità deve essere compreso tra il 50% e 55%;
  3. Dormire almeno 7 o 8 ore: le corrette ore di sonno si traducono in un tessuto cutaneo più sano e luminoso e nella prevenzione di inestetismi come occhiaie e borse;
  4. La temperatura della camera da letto non deve essere né troppo calda né troppo fredda, deve aggirarsi intorno ai 19-20 gradi e non scendere sotto i 16. Questo per evitare conseguenze sull’epidermide come pelle secca da sudore, sia freddo che caldo.

Temperature alte: perché evitarle quando si dorme

I consigli per dormire meglio in inverno: attenzione al riscaldamento.Dormire con i riscaldamenti accessi è un errore tremendo, che colpisce soprattutto capelli, pelle e le vie respiratorie. Durante l’inverno, manteniamo il corpo al caldo sotto il piumone e se a questo aggiungiamo caloriferi accesi l’organismo risponde con sbalzi di temperatura corporea. Al risveglio sarà facile notare capelli rovinati dal sudore, pelle più secca e spenta e la gola arsa e che pizzica. La pelle resa secca dal riscaldamento risulta screpolata e con grana irregolare, proprio come se fosse vittima di agenti esterni. In più, il calore favorisce al comparsa di inestetismi cutanei come rughe e micro rughe. In inverno sarà dunque importantissimo anche idratare a fondo la pelle con cosmetici performanti. Ottimo un siero viso dall’azione rigenerante da applicare la notte per un sonno di bellezza. In farmacia trovi diverse varietà: dall’acido ialuronico, al complesso Fospidina, ai glucosaminoglicani. Tutela anche i capelli con degli shampoo protettivi e riparatori e una volta alla settimana concediti una maschera idratante per capelli. I capelli rovinati dal calore del riscaldamento si spezzano facilmente e risultano spenti e crespi.

Umidità dell’aria: i parametri corretti per la pelle e la respirazione

Abbiamo già evidenziato come gli sbalzi di temperatura possano essere responsabili della pelle secca. Anche se il freddo fuori dalle abitazioni è pungente, è necessario mantenere in casa non troppi gradi di differenza: solitamente sono consigliati 6 o 7 gradi in più rispetto alla temperatura esterna. Come abbiamo anticipato l’umidità in casa deve essere compresa fra un minimo del 40% e un massimo del 65%; percentuali più estese sono consigliate se si vive con bambini e anziani. Per regolare l’umidità è opportuno munirsi di deumidificatore. Vanno bene anche le classiche vaschette di porcellana piene d’acqua che si appoggiano ai caloriferi. Ottimi i deumidificatori con estratti di lavanda, da mettere in camera da letto: il profumo della lavanda ha proprietà rilassanti e calmanti che possono conciliare il sonno. Un ambiente troppo umido può poi favorire la proliferazione di muffe e batteri, per questo anche in inverno è necessario prestare un’attenzione in più ai livelli di umidità rilevati nell’abitazione.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: