Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Melanoma: incidenza e prevenzione

Melanoma: incidenza e prevenzione

Mappatura dei neiIl Melanoma è uno tra i tumori più temuti per la sua aggressività. Questa neoplasia, infatti, risulta asintomatica nelle fasi iniziali e viene spesso diagnosticata quando è ormai in fase avanzata.

Malgrado sia meno frequente rispetto ad altre tipologie di tumori cutanei, il melanoma è più pericoloso e la sua incidenza appare molto elevata tra le persone giovani e di mezza età. Oltre un terzo dei pazienti colpiti ha meno di cinquant’anni e, tra le fasce d’età giovanili, il tasso di mortalità legato al tumore raggiunge il 20%.

I dati recenti relativi al melanoma cutaneo appaiono allarmanti: nell’ultimo quindicennio l’incidenza del tumore è più che raddoppiata in ogni angolo del mondo. A livello globale, i nuovi casi sono circa 232.000 l’anno, con più di 70.000 decessi. Attualmente, nel nostro Paese, invece, il melanoma è stato diagnosticato ad almeno 100.000 persone e ogni anno le nuove diagnosi si aggirano sulle 10.000.

Prevenire il melanoma

Nonostante gli importanti passi in avanti compiuti dalla medicina sul fronte delle terapie per il melanoma, la prevenzione resta il punto di svolta. Il melanoma può essere infatti efficacemente contrastato sia sul fronte della prevenzione primaria, fondata sulla corretta esposizione al sole, sia sul fronte della prevenzione secondaria, basata sull’autoesame della pelle, una prassi che consente di diagnosticare precocemente la patologia.

L’autoesame permette, infatti, di accorgersi subito se un neo ha subito dei cambiamenti. Per effettuarlo, occorre controllare con attenzione i vari nevi presenti sul corpo, non dimenticando zone cutanee come pianta dei piedi, inguine, ascelle e spazio tra le dita. La regola da seguire, durante l’autoesame, è quella dell’ABCDE.

La lettera “A” sta per asimmetria e si riferisce alla diversa forma che i nei hanno rispetto ai melanomi. I nevi sani sono simmetrici: se immaginiamo di tagliarli in due, avremo due parti che coincidono più o meno tra loro. Il melanoma, invece, non è simmetrico.

La lettera “B” si riferisce ai bordi del neo: un nevo sano presenta solitamente bordi regolari, mentre i melanomi hanno bordi irregolari, definiti a carta geografica.

La lettera “C” indica il colore: il neo ha una colorazione uniforme, marrone chiaro o testa di moro. Il melanoma, invece, può presentare vari colori: nero, rosa, rosso e persino blu. In molti casi, il melanoma si distingue perché evidenzia più colori contemporaneamente, distribuiti in maniera disomogenea sulla macchia.

La lettera “D” sta per dimensione. Se il neo supera i sei millimetri di diametro, deve essere studiato attentamente.

La lettera “E”, indica, infine l’evoluzione. I nei rimangono costanti o crescono molto lentamente con il passare degli anni. I melanomi possono invece aumentare molto rapidamente, nel giro di pochi mesi.

In presenza di un aumento delle dimensioni in poco tempo, dell’accentuarsi o dell’estendersi della pigmentazione, di sanguinamento o di ulcerazione spontanea di un neo, quindi, è bene rivolgersi subito a un dermatologo per una visita accurata.

Sul fronte della prevenzione, una metodica di estrema utilità, è inoltre la mappatura dei nei, effettuabile dal dermatologo per poter escludere potenziali rischi per la salute.

APPROFONDIMENTI

  1. Mappatura dei nei: una metodica salvavita
  2. Cosa succede se si graffia un neo?
  3. Quel neo sospetto di troppo
Facebook Comments

VEDI ANCHE: