Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Voglia di freschezza: estate in dolce attesa. I co...

Voglia di freschezza: estate in dolce attesa. I consigli

Il caldo spossa soprattutto se lo si affronta con il pancione. Soluzioni, cosmetiche e non, possono però aiutare la futura mamma a ritrovare in un attimo pieno benessere

Più il termometro sale, più ci si sente accaldate e senza forza. Succede a tutti e a maggior ragione alle donne in attesa, affaticate dal peso del pancione. Le strategie anti-caldo non mancano e tra queste rientrano anche i cosmetici che, scelti con attenzione, possono essere un valido aiuto per regalarsi un immediato effetto refrigerante

Parola d’ordine: dolcezza
I prodotti cosmetici che si utilizzano in gravidanza devono avere come primo requisito la delicatezza: l’assetto ormonale del periodo determina, infatti, cambiamenti a livello della cute e delle mucose che tendono a diventare più soggette a irritazioni e rossori. In estate la situazione può anche peggiorare per via dell’abbondante sudorazione. È bene quindi puntare su formulazioni cosmetiche dolci, prive di ingredienti potenzialmente irritanti come l’alcol, i profumi di sintesi, i coloranti e i conservanti.

Tono e vitalità
Fare una doccia è il modo più semplice ma efficace per rinfrescarsi. È meglio. però, evitare l’acqua fredda perché in gravidanza tutto quanto comporta uno choc repentino può essere pericoloso. L’acqua fredda poi non é così rinfrescante perché, provocando una  vasocostrizione, nell’arco di qualche minuto per reazione finisce per far sentire ancora di più il caldo. Ideale è fare una doccia tiepida con un docciaschiuma delicatissimo con sostanze lavanti di origine vegetale: portano via il sebo, il sudore e Io sporco, senza alterare il delicato equilibrio della cute. Note fresche e frizzanti di erbe aromatiche e agrumi sono molto gradite in estate perché regalano una piacevole senzazione di benessere.

Senza cattivi odori
Sudare è un meccanismo naturale che il corpo mette in atto per regolare il calore dell’organismo. Durante l’attesa, la produzione di sudore aumenta per via delle tempeste ormonali ma anche del peso che comporta sforzi maggiori durante il movimento. Per limitare cattivi odori e fastidiose sensazioni di bagnato, serve un deodorante; meglio evitare però le formule che contengono alcol, profumo e agenti antitraspiranti (bloccano la sudorazione) che in gravidanza possono causare irritazioni e rossori alla cute delle ascelle. Ideale una formula delicata con sostanze assorbi-odore in grado di catturare e neutralizzare le molecoe del cattivo odore con dolcezza. Utile anche la presenza di polveri minerali come il talco, che assorbono l’umidità in eccesso e fanno evaporare il sudore in modo che la pelle risulti asciutta e gli abiti non si macchino.

Più attenzione all’igiene intima
Il pH vaginale è un ecosistema delicatissimo. Se si altera, germi e batteri proliferano, favorendo irritazione che possono aprire la strada a disturbi più seri. Un’accurata detersione è fondamentale per preservare il fragile equilibrio vaginale sempre e in modo particolare in gravidanza. Infatti, i cambiamenti ormonali determinano modificazioni anche a livello dell’area genitale. Innanzitutto, aumenta la lubrificazione della vagina e delle mucose esterne: le secrezioni, grazie alla loro acidità, servono proprio per proteggere da irritazioni e infezioni. Ma possono risultare fastidiose: in gravidanza si intensifica anche la sudorazione intima. Tutto questo, insieme all’afa estiva, fa sentire il bisogno di lavarsi spesso per ritrovare il benessere.

Per gambe leggere
Un veloce passaggio sotto il getto freddo della doccia, dal basso verso l’alto, stimola la circolazione e regala immediata leggerezza. Preziosi anche i trattamenti defatiganti per un’azione ancor più efficace: si applicano come un impacco, tenendo poi le gambe alzate contro il muro per una decina di minuti per far defluire il sangue.

Importante usare il detergente giusto
Deve essere specifico per le parti intime. Inoltre deve avere un pH acido (tra il 3,5 e il 5,5) per preservare l’equilibrio della flora batterica e contrastare irritazioni e infezioni. La presenza di acido lattico aiuta a mantenere regolato il pH fisiologico, gli estratti di aloe, calendula, malva, camomilla e achillea assicurano una delicata azione idratante, addolcente e lenitiva, mentre oli essenziali, come quello di melaleuca, svolgono un’azione purificante e antibatterica. Mentolo e oli essenziali di rosmarino, eucalipto e salvia danno frschezza e sollievo al prurito. In ogni caso, il detergente intimo andrebbe usato solo una volta al giorno.

EFFETTO ICE CONTRO L’EMERGENZA CALDO

    • Versare nelle vaschette del ghiaccio un tonico a base di acque di fiori: i cubetti di ghiaccio si possono tamponare sulle palpebre per decongestionare gli occhi, sul viso per distendere i tratti e migliorare la tenuta del trucco, sul collo dei piedi e sulle caviglie per allentare il gonfiore.
    • Vaporizzare sul corpo un’acqua profumata ma senza alcol, che può irritare la pelle e al sole può favorire la comparsa di macchie scure.
    • Vestirsi di verde e di azzurro: secondo i principi della cromoterapia, questi toni, infondono un immediato senso si benessere, calmano il battito e allentano le tensioni.
    • Indossare abiti e indumenti intimi in tessuti naturali (lino, cotone) che favoriscano la traspirazione. Da evitare, invece, i materiali sintetici e i modelli molto attillati che possono stimolare una sudorazione ancora più copoiosa e causare irritazioni.

di Alberta Mascherpa
consulenza del prof. Antonino Di Pietro, dermatologo e direttore dell’Istituto Vita Cutis di Milano

Facebook Comments

VEDI ANCHE: