Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it

Afa: come proteggersi

idratazione estivaLe temperature continuano a crescere. Il caldo non dà tregua e per chi resta in città risulta pesante condurre le normali attività di tutti i giorni, compreso il lavoro. Il Ministero della Salute viene, perciò, in aiuto ai cittadini con una serie di consigli per proteggersi dall’afa e affrontare le ondate di calore, prevenendo situazioni spiacevoli per la salute.

Aria condizionata
Come prima regola, occorre usare i condizionatori con intelligenza. Oltre a svolgere una regolare manutenzione, questi apparecchi vanno utilizzati soprattutto nelle giornate e nei momenti più caldi, regolandoli in modo tale che lo sbalzo termico tra l’interno e l’esterno non sia eccessivo.

Idratazione
È necessario bere spesso, per regolare la temperatura corporea, evitare la disidratazione e recuperare i liquidi che sono persi attraverso la sudorazione.

Alimentazione leggera
Bisogna seguire una dieta leggera, preferendo cibi come frutta e verdure fresche, ricchi di sali minerali e vitamine. Sono, invece, da evitare gli alimenti troppo caldi o che richiedono una digestione lunga. Occorre inoltre fare attenzione alla conservazione dei cibi, che non devono essere lasciati all’aperto per più di dure ore.

Attenzione all’auto
Se si entra in un’auto parcheggiata al sole, prima di salire, è necessario aprire gli sportelli, iniziando poi il viaggio a finestrini aperti o usando il sistema di climatizzazione. Occorre, poi, verificare che i seggiolini dei bambini non siano surriscaldati. Quando si parcheggia la macchina, non vanno, infine, lasciate persone o animali nell’abitacolo, neanche per pochi minuti.

Conservare i farmaci con cura
Il calore può danneggiare i medicinali, che vanno perciò conservati seguendo le indicazioni presenti nella confezione e mai a temperature superiori ai 25-30°C.

LEGGI ANCHE: Farmaci d’estate, una guida all’uso sicuro

Attenzione agli anziani
È importante adottare precauzioni particolari in caso di persone a rischio, evitando che escano nelle ore più calde della giornata. Specialmente se gli anziani vivono da soli, è necessario monitorarli e aiutarli a svolgere piccole faccende, come ritirare i farmaci in farmacia o fare la spesa. Occorre inoltre segnalare ai servizi socio-sanitari eventuali situazioni che necessitano di un intervento. È il caso di persone che vivono in situazioni di grave indigenza o di pericolo per la salute, come i senzatetto in condizioni di urgente bisogno.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: