Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Bambini: più si muovono più imparano

Bambini: più si muovono più imparano

bambiniL’attività fisica, il gioco all’aria aperta, lo sport sono un toccasana per lo sviluppo delle abilità cognitive dei bambini, migliorando in loro l’apprendimento e la capacità di prestare attenzione e risolvere problemi. A sostenerlo sono i ricercatori del Medical College of Georgia in uno studio pubblicato sulla rivista Pediatric Exercise Science.

La ricerca ha preso in esame un gruppo di quarantacinque bambini tra i sette e gli undici anni e con peso nella norma. Tra loro, ventiquattro praticavano sport o comunque attività di movimento fisico per più di un’ora a settimana, mentre i restanti ragazzini sono stati identificati come “inattivi”, perché più pigri.  I bambini sono stati poi sottoposti a test di valutazione delle loro abilità cognitive. Ne è emerso che i ragazzini più propensi al movimento dimostravano migliori capacità di pianificare delle attività e di mantenere l’attenzione alta.

Come sottolineato da Catherine Davis, autrice principale dello studio, l’esercizio fisico sembra influire realmente sulle funzionalità cerebrali dei più piccoli. Nello sviluppo delle abilità cognitive, c’è però da tenere presente un altro fattore: il peso.

La ricerca ha esaminato anche altri quarantacinque bambini in sovrappeso, rilevando che a parità di inattività fisica, i ragazzini che pesavano di meno raggiungevano punteggi più elevati nei testi cognitivi.

Più un bambino si muove, quindi, più il suo cervello ne giova. Ma se la pigrizia ha la meglio, è importante che il ragazzino non sia in sovrappeso. Secondo i ricercatori, infatti, a causa del carico di squilibri ormonali e metabolici che determinano, i chili in eccesso potrebbero avere effetti negativi non solo sulla salute dei più piccoli, ma anche sulle loro abilità cognitive.

A tale proposito, un precedente studio della Davis datato 2011, ha evidenziato come l’esercizio fisico quotidiano conduca a un migliore sviluppo cerebrale nei bambini pigri e in sovrappeso. A queste ricerche se ne affiancano altre, che hanno mostrato come il movimento possa rendere i ragazzini più sereni, meno impulsivi e più concentrati, favorendo inoltre le loro abilità matematiche.

Sono quindi molti gli esperti che concordano nel sostenere quanto l’attività fisica sia determinante nello sviluppo cerebrale dei bambini. Restiamo in attesa di ulteriori sviluppi e conferme.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: