Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it

Il bello del rientro

Per affrontare al meglio la ripresa della routine basta qualche accorgimento. Per esempio coccolare mente e corpo con attività fisica e strategie mirate. Senza trascurare tutti quei rituali di bellezza che aiutano a mantenere i benefici dell’estate. Perché piacersi è il primo step per essere anche di buon umore

Siete appena tornate dalle ferie e vi sentite già stressate? Probabilmente soffrite della cosiddetta post vacation syndrome, cioè sindrome da rientro, un disturbo che colpisce il 35 per cento della popolazione e si manifesta con irritabilità, sonnolenza, a volte anche emicrania e ansia. Per fortuna, si tratta di un problema passeggero, facilmente superabile con piccoli accorgimenti. In primo luogo, gli esperti consigliano di riprendere le proprie abitudini con gradualità cercando, appena possibile, di passeggiare o fare attività fisica all’aperto, in modo che il nostro organismo produca endorfine, il più potente antidepressivo naturale.

Esfoliate con dolcezza
Chi l’ha detto che scrub e gommage cancellano l’abbronzatura? «Non abbiate paura: eliminano solo le cellule morte che andrebbero via in ogni caso», spiega Antonino Di Pietro, presidente fondatore dell’Isplad e direttore dell’Istituto dermoclinico Vita Cutis. «All’apparenza setosa, la pelle è in realtà ispessita da sole, calore, salsedine. Con l’esfoliazione eliminate le cellule superficiali, facendola tornare luminosa e morbida». Che cosa scegliere tra gommage e scrub? «II primo contiene microsferule, spesso vegetali, che imprigionano le impurità e le rimuovono con il risciacquo: più delicato, è perfetto per il viso», continua l’esperto. «Il secondo, invece, è fatto di granuli finissimi che grattano e levigano l’epidermide: quindi è più adatto al corpo». Attenzione: affinché lo scrub non sia troppo aggressivo, distribuitelo con movimenti circolari sulla pelle già umida.

Conservate l’abbronzatura
Il naturale ciclo di ricambio dell’epidermide fa sì che la tintarella se ne vada in circa un mese. Ma conservare un bel colorito si può. Puntando sull’idratazione, anche nella fase di pulizia. «Per il viso, scegliete prodotti con oli vegetali», consiglia il dermatologo. «Per il corpo, evitate i bagni caldi e preferite docce tiepide, usando detergenti delicati». E dopo, per evitare le spellature, è indispensabile una super idratazione. «L’ingrediente più adatto è l’acido ialuronico: unito a sostanze come urea, glicerina e ceramidi, contribuisce a ricreare il film idrolipidico». E per ravvivare il colore della pelle? «Potete aiutarvi con prolungatori d’abbronzatura o autoabbronzanti di ultima generazione, particolarmente delicati».

Attenuate le rughe
Lo sappiamo: l’overdose di sole regala qualche anno in più. «Le ripetute esposizioni aumentano la produzione di radicali liberi e distruggono il collagene, l’elastina e l’acido ialuronico del derma», spiéga Di Pietro. Il risultato? Le rughe diventano più evidenti e se ne formano di nuove. Sfruttate la notte: col buio potete usare principi attivi l’azione dei quali viene indebolita da luce e calore. «Come il retinolo, che contrasta il fotoinvecchiamento, i peptidi che stimolano la formazione di collagene, gli acidi della frutta che favoriscono il turnover cellulare», continua l’esperto. Sì anche agli antiossidanti, che contrastano l’accumulo di radicali liberi, e all’acido ialuronico a basso peso molecolare che, agendo come una spugna, attira grosse quantità d’acqua e distende le rughe.

In alto i piedi
Siamo sincere: abbiamo camminato molto a piedi nudi e le nostre estremità non sono al massimo della forma. Il primo passo per farli tornare belli è un pediluvio tiepido, con sale grosso e olio essenziale di rosmarino, disinfettante ed emolliente, da fare ogni sera. Abbinatelo a uno scrub con microgranuli abrasivi, come quelli di semi di albicocca o vinacciolo. «Per ridurre le parti indurite, potete usare la pietra pomice», consiglia il dermatologo. «Poi, applicate una crema a base di urea ad alta concentrazione, che ammorbidisce lo strato corneo, unita a acido ialuronico e burro di karité». Così addolcite la pelle ed evitate la formazione di calli. Inoltre, potete indossare per tutta la notte degli speciali calzini rivestiti con un gel rigenerante a base di olio di semi di uva, d’oliva, di jojoba e vitamina E.

[…]

di Carmen Rolle e Barbara Lalli

Facebook Comments

VEDI ANCHE: