Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it

I Segreti di una pelle da Star

Ho cinquantaquattro anni e sul viso ho parecchie rughe, sia sulla fronte sia attorno agli occhi sia attorno alla bocca. A questo punto mi sto arrendendo: ho sempre usato le migliori creme che potevo permettermi e ho sempre seguito con attenzione tutte le precauzioni possibili, ma adesso mi pare proprio che non ci sia altro da fare se non un “aiutino” da un bravo chirurgo. Insomma: chi cura la pelle a base di creme si illude che possano funzionare? Vorrei un suo parere sincero.
Annetta

Chi usa le creme fa benissimo e certamente sarebbe un errore smettere di utilizzarle. Molti cosmetici oggi in commercio hanno un effetto notevole sulla salute della pelle perché contengono principi attivi in una dose sufficiente ad avere un vero effetto e quindi sono veramente efficaci. Anche soltanto il gesto di prendersi cura della pelle, poi, apporta una sensazione di benessere perché le creme ormai sono veramente molto piacevoli da usare, hanno una consistenza gradevole e profumazioni raffinate. Quindi sono tutt’altro che inutili. Medicina e cosmetica, inoltre, non sono nemiche, bensì alleate: lo dimostra il fatto che anche i dermatologi plastici, specialisti che per tratta-re la pelle usano tecniche come il peeling, i filler, il laser, consigliano sempre le creme perché rendono migliori, in superficie, i risultati dei loro trattamenti.

La mia pelle è da sempre secca e ruvida e ho sentito che usare regolarmente un guanto di crine potrebbe farle molto bene. Ho provato, ma francamente mi sembra troppo: la pelle si arrossa subito e poi, dopo il trattamento, brucia e pizzica per diversi minuti e resta come irritata. C’è qualcosa di meno vigoroso che potrei provare?
Tina

Un massaggio con un guanto ruvido, una operazione che in inglese di chiama scrub (si legge scràb), può fare molto per donare luminosità e morbidezza a una pelle ruvida e secca. Però attenzione: nella bella stagione, da aprile a ottobre, ci si espone inevitabilmente al sole e i raggi solari sensibilizzano la pelle, in una certa misura la “irritano”, rendendola un po’ troppo delicata per un trattamento di questo tipo, soprattutto poi nel suo caso. Più che un guanto di crine, io sceglierei al suo posto un guanto o un cilindro di luffa, più morbido e delicato: la luffa è una fibra vegetale naturale ed è l’ideale per pulire bene la pelle sotto la doccia o nella vasca da bagno. Va benissimo anche per le zone più sensibili, come il seno e l’inguine, e si usa versando sul guanto qualche goccia di detergente e massaggiando dal basso verso l’alto con movimenti circolari: così facendo stimola anche la microcircolazione, favorisce l’ossigenazione dei tessuti e il drenaggio dei liquidi. Può usare il guanto di luffa tutte le settimane, una volta alla settimana.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: