Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it

Aiuto, sudo troppo!

acquaLa sudorazione è una funzione normale dell’organismo. Quando il corpo è surriscaldato, a causa ad esempio di un’intensa attività fisica o di un’elevata temperatura ambientale, reagisce e produce sudore, che evaporando raffredda la superficie del corpo.

In alcune persone però il sistema di regolazione della temperatura corporea è iperattivo e determina la cosiddetta iperidrosi, ossia una produzione eccessiva di sudore, che può trarre origine da diversi fattori tra cui stress, ansia e disfunzioni tiroidee.

Alcuni piccoli accorgimenti consentono però di prevenire o almeno alleviare questo fastidio. Tra questi:

  • depilarsi le ascelle, consiglio che vale anche per gli uomini. I peli rappresentano un ostacolo per l’igiene poiché trattengono i batteri, principali responsabili del cattivo odore. La cute depilata, inoltre, permette una più facile applicazione di deodoranti e prodotti antisudore;
  • evitare l’uso di condizionatori d’aria. Lo sbalzo di temperatura da freddo a caldo aumenta la sudorazione;
  • indossare abiti di seta e lino che garantiscono una buona aerazione, evitando invece i vestiti sintetici che surriscaldano la pelle;
  • preferire bevande a temperatura ambiente. Le bibite ghiacciate raffreddano il corpo rispetto alla temperatura esterna, producendo uno sbalzo termico che spinge il corpo a reagire con un aumento della produzione di calore;
  • evitare alimenti che contribuscono ad aumentare il calore interno, come formaggi grassi, carni rosse, alcol, burro, fritti e pietanze piccanti o elaborate.
  • lavarsi più volte al giorno usando acqua tiepida perché quella calda o fredda crea uno sbalzo termico che farebbe aumentare la sudorazione;
  • dopo essersi lavati, asciugarsi, inoltre, con molta cura soprattutto in zone come le ascelle e le dita dei piedi. L’umidità residua rappresenta infatti il “nido” ideale  per lo sviluppo dei germi.
Facebook Comments

VEDI ANCHE: