Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it

I Segreti di una pelle da Star

Quest’anno mio marito ha deciso di fare le vacanze in montagna. Finora d’inverno siamo sempre andati in luoghi caldi. Come si differenzia la protezione della pelle al freddo rispetto a quella “marina”?
Lisa

L’effetto dei raggi UV in montagna è paragonabile a quello che si ottiene con un’esposizione al sole al mare, in barca. Le radiazionim sono, cioè, potenti e multidirezionali perché vengiono riflesse dai cristalli di neve e colpiscono la pelle dall’alto ma pure dal basso, con una sorta di effetto specchio. In montagna si ha un po’ di vantaggio: la temperatura bassa mantiene più a lungo l’effetto schermante delle protezioni solari perché le sostanze grasse presenti nel cosmetico si solidificano, mentre al mare il sudore e i bagni frequenti richiedono più applicazioni di crema. Comunque sia il solare anche in montagna va riapplicato almeno due volte al giorno.
Un altro vantaggio è rappresentato dall’effeto neutralizzante della basse temperatue sugli infrarossi, responsabili dell’eritema. In montagna, però, bisogna scegliere sempre alte protezioni, preferendo i prodotti ricchi di spostanze grasse, perché il freddo delle alte quote e dei campi da sci rischia di far “ghiacciare” l’acqua presente negli idratanti, con un effetto irritante sullo strato corneo della pelle. Questo ovviamente, non accade d’estate, quando per via del caldo occorre invece rinforzare e migliorare l’apporto idrico.

Mia figlia, a quattordici anni, ha cominciato a truccarsi. Il problema è che spesso non si strucca. Naturalmente non mi preoccupano le lenzuola da lavare quanto la sua giovane pelle. Ho pensato di proporle l’utilizzo delle salviette struiccanti. Vanno bene ugualmente?
Nastasaja

Dormire con il trucco addosso impedisce alla pelle di respirare, in quanto le polveri di cipria, fondotinta e blush chiudono i pori, facilitando la comparsa di bruoli e punti neri, mentre i pigmenti colorati aumentano il rischio di reazioni cutanee fino alla dermatite da contatto. I prodotti da utilizzare variano in base alla tipologia del trucco. Indubbiamente con i fondotinta sono maggiormente indicati latti detergenti e tonici che riecono meglio a sciogliere e a portare via le sostanze grasse del make-up. Per gli occhi, a prescindere dagli attivi contenuti, servon struccanti specifici testati a livello oftalmologico per vitare fastidiose allergie. Quanto alle salviette, vanno bene perché usate una tantum, magari quando c’è poco tempo o in viaggio. Quelle contenenti acido salicilico o glicolico risultano indicate per le pelli miste perchè hanno un leggero effetto esfoliante che aiuta a liberare i pori, mentre se tra i loro ingredienti ci sono estratti vegetali, come la malva, aloe o camomilla, dall’azione lenitiva, sono i prodotti più adatti per chi invece ha una pelle normale o sensibile. Scelga lei il prodotto giusto.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: