Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Gli spacchetti agli angoli della bocca o cheiliti

Gli spacchetti agli angoli della bocca o cheiliti

Tra i disturbi che interessano le labbra, uno particolarmente fastidioso e antiestetico è la cheilite, l’infiammazione che interessa gli angoli della bocca. Se a volte il problema è dovuto alla presenza di germi o di allergie, in una certa percentuale di casi esso è la conseguenza di cattive abitudini.

Le cause più importanti
Una causa frequente di cheilite riguarda chi è ansioso e nervoso, fenomeno caratteristico delle persone che vivono in un continuo stato di disagio psicologico e che spesso lo manifesta tormentandosi le labbra.
Anche stuzzicarsi le labbra con oggetti appuntiti e sporchi, come la punta di una matita o uno stuzzicadenti, possono favorire il disturbo.
Altre volte, la causa è dovuta al modo sbagliato di masticare, a protesi dentali fatte male, ad alterazioni o a cattiva occlusione dell’arcata dentale, nonché alla presenza di denti storti che sfregano contro gli angoli della bocca.
Una causa frequente di cheilite negli anziani è dovuta alla perdita di saliva, perché provoca una macerazione della mucosa degli angoli delle labbra, indebolendoli.
Persino alcuni gruppi di lavoratori sono a rischio di cheilite, come i musicisti: la parte di strumento musicale che suonano può irritare le labbra e favorire il disturbo.

Che cosa fare
Se la malattia è di tipo irritativo, è necessario eliminare la causa che ha scatenato il fenomeno.
La cheilite si previene soprattutto con l’igiene. Quindi, non toccarsi le labbra con le mani o con oggetti, né passarsi spesso la lingua sulle labbra o agli angoli della bocca.
Se è dovuta alla dentiera, andare subito dal dentista per farsela controllare o sottoporsi periodici controlli, per verificare che i denti siano ben allineati e non abbiano pericolose sporgenze. Invece, se la malattia è di tipo psicologico, è bene consultare uno psicologo.

Quando la colpa è dei farmaci
Usare a lungo certe medicine può provocare una cheilite, perché alcuni principi attivi determinano una riduzione della quantità di saliva, che provoca secchezza delle labbra che favorisce il disturbo.
A rischio di cheilite sono soprattutto gli anticolinergici (per ridurre l’attività di alcune fibre nervose), gli antistaminici (per l’allergia), gli antidepressivi (per la depressione) e gli antipsicotici (per le malattie da alterazione della personalità).

Che cosa fare
Su indicazione del medico, sospendere l’uso del farmaco e sostituirlo con altri principi attivi che non causano disturbi. Quando l’infiammazione è seria, si può ricorrere a creme al cortisone, da usare per brevi periodi e sotto controllo medico: l’infiammazione tenderà a ridursi velocemente e il gonfiore scomparirà da solo.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: