Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Unghie fragili, per capirle meglio

Unghie fragili, per capirle meglio

Non sono solo un’importante propaggine della pelle che difende l’estremità delle dita e ci aiuta a compiere alcuni gesti. Le unghie possono dirci anche se l’organismo ha disturbi. Infatti, se quasi tutte le unghie cambiano colore, forma o consistenza, è bene sospettare la presenza di una malattia interna. Se invece l’anomalia si presenta soltanto su una o due unghie, spesso il problema è esterno, come piccoli traumi o infezioni.

Per esempio, l’abitudine di rosicchiarsi le unghie e le pellicine che le circonda rende la mano più brutta da vedere e le dita sono a rischio di infezioni. Lo stesso vale quando si tagliano le unghie in modo scorretto, con arnesi poco adatti o non ben puliti. Alcune sue alterazioni poi possono rivelare avvelenamenti, intossicazioni e disordini del metabolismo, oppure malattie a carico di fegato, cuore o polmoni.

Per capirle meglio
L’unghia è formata da due parti: la radice e la lamina ungueale.
La radice è la parte invisibile, fissata nei tessuti molli che sono alla base. Subito sopra c’è la lunula, dalla forma arcuata, mentre la lamina è formata da scaglie dure e aderenti al letto ungueale, dal colore roseo a causa del tessuto sottostante irrorato di sangue.
In genere, l’unghia non è né fragile né molle, e lunga quanto la metà della falangetta, l’ultima articolazione di ogni dito.

Le colpe dei detersivi
La fragilità delle unghie è un fenomeno che interessa soprattutto le donne, in quanto ne sono colpite circa un terzo, in particolare le casalinghe, quasi sempre per la disidratazione causata dall’uso di detersivi, saponi, solventi con acetone oppure per l’immersione nell’acqua per molto tempo.
Tra i rimedi, indossare guanti di cotone quando si toglie la polvere, sostanza fortemente disidratante, mentre per lavare i piatti o fare il bucato a mano usare guanti di gomma.

Più robuste con il latte

Un semplice rimedio per avere sempre unghie belle e sane è bene fare attenzione a quello che si porta in tavola.
Nella dieta di tutti i giorni, infatti, non devono mai mancare alimenti importanti, come uova, latte e derivati, nonché frutta e verdura, perché ricchi di calcio e sali minerali, necessari per la loro formazione. Se non si fornisce la giusta quantità, le unghie dapprima perdono lucentezza, poi si sfaldano e si rompono con facilità.

Per sapere se la dieta è corretta oppure no, si può ricorrere al mineralogramma, un esame, non invasivo e non doloroso perché fatto su una ciocca di capelli. Quest’esame permette di sapere se sono presenti eventuali carenze e di integrarle con supplementi a base di calcio, ferro e zinco.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: