Per appuntamenti e informazioni 02.29406306 | info@istitutodermoclinico.com • Cerca il centro più vicino a te sul sito www.istitutodermoclinico.it
READING

Dermatite da pannolino

Dermatite da pannolino

dermatite da pannolino E’ un piccolo, grande problema che prima o poi tutte le mamme devono affrontare. E spesso, nonostante le cure e le attenzioni, il sederino del piccolo si arrossa e si screpola, provocando al bambino nervosismo e crisi di pianto.

Oggi, però, con un po’ di buona volontà, è possibile non soltanto porre rimedio, ma anche prevenirlo. Infatti, per scongiurare il problema, basta seguire alcune semplici regole quando si provvede alla pulizia del bambino.

Come pulirlo
Fin dai primissimi giorni di vita, il sederino del piccolo va lavato sotto l’acqua corrente senza paura, tranne che appena dopo il pasto, usando il comune sapone di Marsiglia.

Invece, va evitato l’uso della spugna e del catino con acqua, perché pulire e sciacquare il bambino con acqua stagnante non consente di togliere tutti i germi dalla pelle, senza contare che le spugne sono veri e propri ricettacoli di batteri.

Se non si vuole passare il sapone direttamente sulla pelle usando le mani, si possono usare straccetti di lino o di cotone, ottenuti tagliando tanti rettangolini da un vecchio lenzuolo lavato e sterilizzato. Dopo ogni lavaggio, il tessuto va sostituito, lavato e bollito per qualche minuto.

Dopo aver insaponato per bene tutta la zona, sciacquare bene il sederino, mettendolo sotto l’acqua corrente a una temperatura né troppo fredda né troppo calda, avendo cura di eliminare ogni traccia di sapone venga eliminata. Il sederino va poi asciugato bene con un panno morbido, in particolare nelle pieghe dell’inguine e all’interno delle natiche.
Può essere utile anche passare sulla pelle per qualche secondo il getto d’aria del fon, tenuto a una temperatura non alta e lontano dalla zona almeno 30 centimetri. Se il sederino è un po’ irritato, lasciare il piccolo per qualche ora al giorno senza pannolino: ne avrà grande beneficio.

E le creme e il talco?
L’uso delle creme è indispensabile: la loro azione impedisce alla pelle di screpolarsi e ripara da batteri e umidità. Le pomate a base di ossido di zinco, compatte e molto pastose, sono le più indicate. A ogni cambio di pannolino, eliminare completamente ogni traccia della vecchia crema con l’aiuto di un batuffolo di cotone imbevuto di olio per bambini.

Invece, l’uso del talco è controverso. Se la sua azione assorbente è fuori discussione, la polvere bianca e profumata spesso si amalgama con la crema e con la pipì, formando una poltiglia all’interno del pannolino. Nelle bambine, poi, è possibile che la polvere possa entrare in profondità nella vagina, creando con il tempo irritazioni alle vie urinarie.

Facebook Comments

VEDI ANCHE: